A Campobasso in mostra le ‘Visioni di guerra’ di Rubens, Goya e Fratianni

CAMPOBASSO – Una mostra da non perdere “Yo lo Vi. Visioni di Guerra” inaugurata il 2 ottobre a Palazzo Gil di Campobasso, sede Fondazione Molise Cultura e che proseguirà fino al 14 novembre. Tra le opere esposte, infatti, per la prima volta il pubblico potrà ammirarne una recentemente ascritta dal curatore della mostra, il critico d’arte e Consigliere di Stato Floriano De Santi, al pittore Pieter Raul Rubens. Opera cui si aggiungono oltre quaranta incisioni di Francisco Goya e una selezione di tele e incisioni del Maestro Domenico Fratianni, cui saranno dedicate due diverse mostre, sia collettiva che personale, all’Hermitage di San Pietroburgo: un prestigioso riconoscimento per l’artista, fra i più eminenti rappresentanti dell’incisione in Italia.

“Le conseguenze della Guerra-Venere cerca di trattenere Marte” è l’opera inedita di Rubens esposta, cui si aggiungono le incisioni “Desaster de la Guerra” di Goya, realizzate fra il 1810 e il 1820, in cui si narrano le efferatezze della guerra di indipendenza spagnola (opere concesse in prestito dal Museo universitario dell’Università Gabriele d’Annunzio Chieti-Pescara), e le incisioni e le tele ad olio di Fratianni tratte dal ciclo “Conversando con Goya”.

“Le visioni attuali e drammatiche di Yo lo Vi. rievocano le avanguardie, il mondo della grafica, la modernità degli anime, dei manga e delle graphic novels, omaggiando l’arte sublime dell’incisione, ma costituiscono anche un profondo messaggio di ottimismo – si legge nella nota degli organizzatori -. Seneca afferma che non esistono parole per descrivere i grandi dolori: in questo caso, si ha la possibilità di osservarli da tempi diversi, tramite sguardi inconfondibili che ci restituiscono il monito di vigilare, affinché la dignità e il rispetto dei diritti umani siano sempre, e costantemente, una priorità per noi tutti”.

L’esposizione, visitabile dal martedì alla domenica dalle 10 alle 13 e dalle 17 alle 20, racconta di come, nel corso della storia, gli sguardi di Rubens, Goya e Fratianni narrano e restituiscono allo spettatore dunque, la propria percezione della guerra, del dolore dei migranti e dell’incertezza della condizione umana attraverso il linguaggio universale dell’arte. La mostra è ideata dall’Associazione Culturale Domenico Fratianni, con il patrocinio del Patto per lo sviluppo del Molise, Regione Molise e Fondazione Molise Cultura, in collaborazione con il Comune di Campobasso, l’ Università degli Studi di Chieti-Pescara Gabriele d’Annunzio, il Museo universitario della stessa e la Fondazione Immagine-Chieti, ed è realizzata con il supporto della Banca Popolare delle Province Molisane e della Fondazione Neuromed.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte Agenzia DIRE e l’indirizzo www.dire.it

L’articolo A Campobasso in mostra le ‘Visioni di guerra’ di Rubens, Goya e Fratianni proviene da Ragionieri e previdenza.

continua a leggere sul sito di riferimento

Notizie correlate

Potrebbero interessarti

Matacena, commercialisti protagonisti della ripresa economica

Presentata la lista “Odcec 2.0, costruiamo insieme il futuro della professione” per l'Odcec Napoli Nord “La pandemia ha portato stravolgimenti in ogni settore: il mondo...

Kyung Wha Chu e Viktoria Baskakova vincono il Premio “Sigismund Thalberg”

La dodicesima edizione assegnata ex aequo alle pianiste americana e russa La dodicesima edizione del Premio Pianistico Internazionale Sigismund Thalberg (nella foto in alto), curata...

Moretta: “Commercialisti pronti al rilancio del brand Italia all’estero”

Lo ha detto il presidente dell'Odcec di Napoli all'incontro su “Iniziative e progetti del Sistema Italia per l'internazionalizzazione e il sostegno all'export” con il...

La stanchezza emotiva provocata dal Covid-19

di ANTONIO SCAMARDELLA* Il mondo è in costante cambiamento, lo è anche e in particolare adesso. La pandemia in corso, però, sta cambiando il nostro...

Matacena, commercialisti protagonisti della ripresa economica

Presentata la lista “Odcec 2.0, costruiamo insieme il futuro della professione” per l'Odcec Napoli Nord “La pandemia ha portato stravolgimenti in ogni settore: il mondo...

Kyung Wha Chu e Viktoria Baskakova vincono il Premio “Sigismund Thalberg”

La dodicesima edizione assegnata ex aequo alle pianiste americana e russa La dodicesima edizione del Premio Pianistico Internazionale Sigismund Thalberg (nella foto in alto), curata...

Moretta: “Commercialisti pronti al rilancio del brand Italia all’estero”

Lo ha detto il presidente dell'Odcec di Napoli all'incontro su “Iniziative e progetti del Sistema Italia per l'internazionalizzazione e il sostegno all'export” con il...

La stanchezza emotiva provocata dal Covid-19

di ANTONIO SCAMARDELLA* Il mondo è in costante cambiamento, lo è anche e in particolare adesso. La pandemia in corso, però, sta cambiando il nostro...

Potrebbero interessarti

- Advertisement -