19 views 6 mins 0 Comment

Al Louvre per sei mesi due grandi mostre di arte uzbeka

- 25/11/2022

Idea sostenuta dai presidenti di Uzbekistan e Francia

Roma, 25 nov. (askanews) – Il 21-22 novembre 2022, durante la visita ufficiale del Presidente dell’Uzbekistan Shavkat Mirziyoyev in Francia, su invito del Presidente francese Emmanuel Macron, i capi dei due Stati hanno inaugurato due grandi mostre: “Gli splendori delle oasi dell’Uzbekistan. Al crocevia delle rotte carovaniere” al Louvre e “La strada per Samarcanda. Miracoli di Seta e Oro” presso l’Istituto del Mondo Arabo.

Entrambe le mostre sono dedicate alla storia e alla cultura dell’Uzbekistan. La mostra al Louvre copre i secoli V-VI a.C. fino al regno dei Timuridi, e l’Istituto del mondo arabo presenta reperti del XIX-metà del XX secolo, nonché dipinti dell’avanguardia del Turkestan dalla collezione dell’Uzbekistan musei statali.

Nell’ottobre 2018, il presidente dell’Uzbekistan Shavkat Mirziyoyev ha effettuato per la prima volta una visita ufficiale in Francia. Nell’ambito del programma culturale si è svolta un’escursione al Louvre. In quel momento, l’idea di tenere una mostra su larga scala in questo museo dedicato al ricco patrimonio storico e culturale dell’Uzbekistan stava già prendendo forma, e il Capo dello Stato l’ha appoggiata calorosamente.

Nel 2009, l’archeologo e ricercatore Rocco Rante ha condotto una missione archeologica a Bukhara in collaborazione con il team dell’Istituto di archeologia di Samarcanda dell’Accademia delle scienze della Repubblica dell’Uzbekistan. Dal lato uzbeko, era guidato da Jamal Mirzaakhmedov e successivamente da Abdisabur Raimkulov. Nel 2011, Rante ha invitato Henri Loyrette, l’ex direttore del Louvre, in Uzbekistan. Dopo aver valutato il materiale storico disponibile, si decide di iniziare a progettare una possibile mostra, che ha preso forma concreta nel 2017.

Qualche tempo dopo, già nella regione di Samarcanda in Uzbekistan, durante altri scavi, condotti anche in collaborazione con specialisti francesi, fu scoperto un pannello intagliato zoroastriano unico. La scoperta ha affermato di essere una scoperta di livello mondiale.

Si presume che nel sito degli scavi si trovasse il palazzo di campagna dei sovrani dell’epoca preislamica (fino all’VIII secolo). Nella cittadella è stata scoperta una stanza sul davanti, la maggior parte della quale era occupata da un podio a tre livelli, dove, secondo gli scienziati, il sovrano sedeva sul trono e il pannello adornava appena le pareti della sala. Insieme a questi, sono stati scoperti altri reperti unici. È diventato chiaro che l’Uzbekistan sarebbe stato in grado di mostrare al mondo qualcosa di molto prezioso dal punto di vista storico e culturale.

La Fondazione per lo sviluppo dell’arte e della cultura dell’Uzbekistan, rappresentata dal direttore esecutivo Gayane Umerova, e il Museo del Louvre hanno firmato un accordo di partenariato e sono iniziati i lavori preparatori, guidati dal vicepresidente del Consiglio della Fondazione Saida Mirziyoyeva. La mostra al Louvre doveva tenersi nel 2020-2021, ma il COVID-19 ha interrotto questi piani e ha dovuto essere rinviata al 2022.

Durante questo periodo, è diventato chiaro che sarebbe stato logico presentare un’escursione non solo nella storia antica dell’Uzbekistan, fino al XV secolo, ma anche per raccontare i periodi successivi fino ai tempi moderni, il che renderebbe questo lavoro completo e completo. Sulla base di ciò, si è deciso di tenere due mostre: una al Louvre e la seconda all’Istituto del mondo arabo.

In seguito è stata creata una commissione speciale per preparare entrambe le mostre, guidata dal Primo Ministro della Repubblica dell’Uzbekistan, che comprendeva il Direttore dell’Istituto di Storia dell’Arte dell’Accademia delle Scienze della Repubblica dell’Uzbekistan e consulente di progetto Shokir Pidayev, Direttore del Centro per la Civiltà Islamica Shoazim Minovarov, ministri , scienziati, archeologi, nonché direttori e curatori di musei da cui si prevedeva di prendere in prestito mostre.

In seguito furono avviati lavori di restauro. Più di 70 oggetti sono stati restaurati appositamente per la mostra dal 2018. Un team è stato coinvolto nel progetto, tra cui più di 40 restauratori di carta, legno, metallo, scultura, vetro e pittura murale dalla Francia e dall’Uzbekistan, tra cui Marina Reutova, Kamoliddin Mahkamov, Shukhrat Pulatov, Christine Parisel, Olivier Tavoso, Delphine Lefebvre, Geraldine Frey, Axel Delau, Anne Liege e altri.

Particolarmente difficile e interessante è stato il restauro e la conservazione delle pagine del Corano Kattalangar dell’VIII secolo. Questo Corano ha un enorme significato religioso per l’Islam e i musulmani ed è uno dei valori che costituiscono il patrimonio culturale e storico di tutta l’umanità.

I lavori di restauro sono durati tre anni e sono stati resi possibili in gran parte grazie al supporto personale di Saida Mirziyoyeva, che allora ricopriva la carica di vicedirettore dell’Agenzia per l’informazione e le comunicazioni di massa. Inizialmente, si prevedeva di ripristinare solo 2 pagine, ed è stata Saida Shavkatovna a insistere per ripristinare tutte le 13 pagine.

La Biblioteca nazionale dell’Uzbekistan intitolata ad Alisher Navoi, la Fondazione per lo sviluppo dell’arte e della cultura del Ministero della cultura della Repubblica dell’Uzbekistan e il Consiglio musulmano dell’Uzbekistan sono stati coinvolti nel restauro di questo documento unico. I lavori sono stati eseguiti dai restauratori del Museo del Louvre Axel Delau e Aurelia Streri.

continua a leggere sul sito di riferimento