lunedì, 27 Maggio , 24

Lago di Como, attività di pulizia delle sponde

(Adnkronos) - Ripartita anche quest’anno la partnership tra...

Israele, Crosetto: “Ho impressione semini odio, su Rafah doveva fermarsi”

(Adnkronos) - "Ho l'impressione che Israele stia seminando...

Europee, Meloni: “Ue faccia meno cose e le faccia meglio”

(Adnkronos) - "L'Europa deve cambiare priorità, si deve...

Renzi: “Leader evocano guerra mondiale, Meloni e Schlein litigano su Telemeloni e Teletubbies”

(Adnkronos) - "Mentre leader internazionali evocano la terza...

Al via trattativa sindacale per rinnovo contratto industria alimentare

AttualitàAl via trattativa sindacale per rinnovo contratto industria alimentare

Sindacati soddisfatti: fondamentale per governare i cambiamenti

Milano, 25 lug. (askanews) – Si è aperta a Roma la trattativa per il rinnovo del contratto collettivo nazionale dell’industria alimentare, in scadenza il 30 novembre. A darne notizia sono i sindacati di categoria, che hanno espresso soddisfazione per una prima giornata di confronto generale con le parti datoriali nella quale sono state già concordate tre date per i prossimi incontri tecnici di approfondimento: 18 settembre, 25 settembre e 3 ottobre.

Nel presentare la piattaforma unitaria, i segretari generali di Fai-Cisl, Flai-Cgil e Uila-Uil, Onofrio Rota, Giovanni Mininni e Stefano Mantegazza hanno messo in evidenza la crescita del settore in termini di export, fatturato, produttività e occupazione: “Nonostante le difficoltà derivanti dal contesto internazionale, il settore ha dimostrato di essere in salute, con doti anticicliche e ulteriori potenzialità di crescita – affermano i sindacati – il nuovo contratto nazionale sarà fondamentale per dare risposte adeguate alle lavoratrici e ai lavoratori, sia sul piano economico che normativo, con l’obiettivo di governare i cambiamenti in corso, soprattutto in termini di transizione ecologica e digitale, consolidando e innovando l’organizzazione del lavoro in chiave sempre più partecipativa e condivisa”.

Ai lavori hanno partecipato in presenza tutte le associazioni di imprese dei diversi comparti che avevano sottoscritto l’ultimo rinnovo del 2020: Ancit, Anicav, Assica, Assitol, Assobibe, Assobirra, Assolatte, Federvini, Mineracqua, Unaitalia, Unione Italiana Food.

Assenti, invece, le tre associazioni non firmatarie, Assalzoo, Assocarni e Italmopa. “Non lasceremo mai soli i lavoratori e le lavoratrici delle imprese aderenti a queste associazioni – hanno dichiarato Rota, Mininni e Mantegazza – per cui confermiamo il blocco degli straordinari e delle flessibilità in corso nei siti produttivi interessati, dove non si applica il contratto nazionale di settore, e annunciamo che saranno intraprese nuove azioni di lotta per scongiurare che nel comparto esistano lavoratori di serie A e altri di serie B”.

Check out our other content

Check out other tags:

Most Popular Articles