38 views 4 mins 0 Comment

Berlino “prende atto” consegna Gb carri armati a Ucraina

- 16/01/2023

Decisione aumenta la pressione su Germania in attesa di Austin

Milano, 16 gen. (askanews) – Il governo tedesco ha preso atto della decisione della Gran Bretagna di consegnare 14 carri armati Challenger 2 e altre armi pesanti all’Ucraina nelle prossime settimane, ovvero del tabù occidentale infranto da Londra. Prima del governo tedesco è arrivato il Cremlino, che ha risposto che i carri armati britannici “bruceranno”.

La questione da una portavoce del ministero federale della Difesa a Berlino viene commentata laconicamente. Il tutto mentre la carica di ministro della Difesa tedesco risulta vacante e mentre il segretario alla Difesa americano Lloyd Austin è atteso a Berlino giovedì e venerdì, dove parteciperà a una conferenza presso la base militare statunitense di Ramstein per discutere di un ulteriore sostegno all’Ucraina.

Il governo federale si dice in coordinamento con i partner occidentali su possibili ulteriori consegne. Finora la Germania ha temporeggiato ed è chiaro che la decisione della Gran Bretagna aumenta la pressione su Berlino affinché consegni al governo di Kiev i principali carri armati “Leopard 2”.

L’Ucraina lo chiede da molto tempo. Perché i carri armati “Leopard 2” sono tecnicamente superiori ai carri armati russi. Il governo tedesco ha finora rifiutato le consegne, sostenendo che nemmeno altri alleati hanno fornito all’Ucraina carri armati moderni. Dietro la riluttanza a consegnare armi pesanti c’è sempre il timore che la NATO possa essere coinvolta nella guerra in Ucraina.

Finora, l’Ucraina aveva ricevuto solo carri armati di fabbricazione sovietica dalle scorte dei paesi della NATO dell’Europa orientale. La Polonia e la Repubblica Ceca avevano consegnato carri armati T-72 all’Ucraina. I “Challenger 2” britannici sono i primi carri armati principali in stile occidentale ad andare in Ucraina.

Mercoledì, la Polonia ha annunciato la sua disponibilità a fornire all’Ucraina 14 carri armati principali Leopard 2 come parte di una coalizione internazionale. Tuttavia, ciò richiederebbe l’approvazione della Germania, il paese di produzione. Il primo ministro polacco Mateusz Morawiecki ha annunciato che durante la sua visita a Berlino all’inizio della prossima settimana terrà anche colloqui con i rappresentanti di diverse parti in merito alla consegna dei principali carri armati Leopard 2 all’Ucraina.

Dopo l’annuncio britannico, Zelenskyy ha ringraziato Sunak su Twitter “per le decisioni che non solo ci rafforzeranno sul campo di battaglia, ma manderanno anche il segnale giusto ad altri partner”.

Da notare che proprio oggi il governo tedesco ha affermato che il cancelliere Olaf Scholz ha accettato le dimissioni del ministro della Difesa Christine Lambrecht e presto nominerà un sostituto. Dopo poco più di un anno in carica, la politica dell’SPD è stata recentemente oggetto di crescenti critiche. Oltre alla ritardata modernizzazione della Bundeswehr, la chiacchierata vacanza sciistica a Ischgl a Natale, invece di una visita alle truppe.

La Germania ha comunque fornito all’Ucraina un sostegno sostanziale negli ultimi mesi, inclusi obici, cannoni antiaerei semoventi Gepard e il primo dei quattro sistemi missilistici terra-aria IRIS-T. Ma alcuni all’interno della coalizione di governo tedesca, si sono a lungo lamentati della percepita esitazione di Scholz a intensificare gli aiuti.

continua a leggere sul sito di riferimento