giovedì, 16 Maggio , 24

Facebook e Instagram, sospetta dipendenza nei bimbi: Ue indaga su Meta

(Adnkronos) - La Commissione europea ha avviato un...

Roma, attivisti imbrattano vetrine di via Condotti: in 13 bloccati da polizia locale

(Adnkronos) - Pattuglie della polizia locale di Roma...

La maledizione del Superbonus, impossibili modifiche a costo zero: chi paga?

(Adnkronos) - Quando una misura economica nasce male,...

Confronto tv Meloni-Schlein, Rai: “Manca maggioranza richiesta da Agcom”

DALL'ITALIA E DAL MONDOConfronto tv Meloni-Schlein, Rai: "Manca maggioranza richiesta da Agcom"

(Adnkronos) –
Salta il confronto tv in Rai tra la presidente del Consiglio Giorgia Meloni e la segretaria del Pd Elly Schlein in vista delle elezioni Europee 2024. “Soltanto quattro delle otto liste rappresentate in Parlamento hanno accettato l’invito di Rai a un confronto a due tra leader sulla base della forza rappresentativa. Per questo motivo, in assenza della maggioranza richiesta dall’Autorità per le garanzie nelle Comunicazioni, Rai ritiene di non poter programmare alcun confronto nei termini precedentemente proposti”, si legge in una nota di viale Mazzini. 

“Il Servizio Pubblico – assicura la Rai – continuerà a garantire, come ha sempre fatto, il rispetto della Par Condicio nei notiziari e nei programmi di approfondimento con l’equilibrio e la correttezza riconosciuti dalla stessa Autorità”. 

A quanto apprende l’Adnkronos, sono Fratelli d’Italia, Pd, Italia viva e Lega le quattro liste favorevoli al confronto tv a due tra le leader. Contrari, invece, Avs, Forza Italia, M5S e Azione. Non essendo stata raggiunta la maggioranza dei gruppi presenti in Parlamento come richiesto dall’Agcom, la Rai ha comunicato che non ci sono le condizioni per svolgere quello, già in programma, tra Meloni ed Schlein moderato da Bruno Vespa. 

La disciplina sulla par condicio, come risulta dal combinato delle disposizioni della delibera n. 90/24/CONS e di quelle del provvedimento del 9 aprile 2024 della Commissione parlamentare per l’indirizzo generale e la vigilanza dei servizi radiotelevisivi, prevede che qualora la Rai o le emittenti nazionali private intendano trasmettere trasmissioni dedicate al confronto “devono assicurare una effettiva parità di trattamento tra tutti i predetti esponenti […] oltre che nell’ambito della medesima trasmissione, anche nell’ambito di un ciclo di più trasmissioni dello stesso programma, organizzate secondo le stesse modalità e con le stesse opportunità di ascolto”. Occorre quindi valutare la sussistenza del rispetto del principio di parità di trattamento, come delineato nell’articolo citato, in funzione delle modalità di esecuzione e collocazione delle trasmissioni. 

Nel caso specifico, la parità di trattamento può essere garantita dall’offerta a tutti i soggetti politici della medesima opportunità di confronto. Il Consiglio dell’Autorità, ritiene inoltre che le trasmissioni dedicate al confronto, come definite dall’articolo 7, comma 11, del regolamento dell’Autorità e dall’articolo 4, comma 7-ter, del provvedimento della Commissione parlamentare per l’indirizzo generale e la vigilanza dei servizi radiotelevisivi, possano considerarsi legittime ove il relativo format sia accettato da una larga maggioranza delle liste in competizione elettorale e comunque dalla maggioranza delle liste con rappresentanza in Parlamento. Eventuali spazi compensativi per coloro che dovessero rinunciare al format dei confronti dovranno essere organizzati nel rispetto dei principi previsti dalla citata normativa e in particolare del principio delle stesse opportunità di ascolto. 

Check out our other content

Check out other tags:

Most Popular Articles