giovedì, 11 Luglio , 24

Ucraina, fosse comuni nel Donetsk. Russia: “Non partecipiamo a secondo vertice pace”

(Adnkronos) - Fosse comuni, con all'interno i cadaveri...

Tutti contro Morgan, da Tommaso Paradiso ad Annalisa al fianco di Calcutta e Angelica

(Adnkronos) - Tommaso Paradiso, Noemi, Levante, Annalisa, e...

Gaza, “Israele e Hamas vicini ad accordo: intesa per governo ad interim”

(Adnkronos) - Israele e Hamas sempre più vicini...

Consorzio Valtellina Casera e Bitto Dop entra in Origin Italia

AttualitàConsorzio Valtellina Casera e Bitto Dop entra in Origin Italia

45 alpeggi con 3mila bovine da latte e 300 capre
Roma, 11 lug. (askanews) – Il Consorzio dei Formaggi Valtellina Casera e Bitto entra in Origin Italia, l’associazione italiana Consorzi Indicazioni Geografiche che rappresenta oggi 81 Consorzi di tutela, una associazione di settore, la Afidop, e ben oltre il 95% della produzione italiana delle Indicazioni Geografiche.
“È con grande piacere che il Consorzio di tutela dei Formaggi Valtellina Casera e Bitto entra a far parte della grande famiglia di Origin Italia, la casa dei consorzi di tutela, con cui condividiamo l’onore di rappresentare i nostri prodotti di eccellenza, veri ambasciatori del Made in Italy di qualità – commenta Marco Deghi, presidente del Consorzio – sostenibilità, benessere e valore territoriale sono i principi fondanti del nostro lavoro e di un intero comparto che crede in un futuro a misura di tutti”.
Dopo un 2023 di successi, è iniziata in crescita anche nel 2024 la produzione di Valtellina Casera Dop. Ed è da poco partita la stagione produttiva del Bitto, formaggio di latte crudo dall’antica tradizione, esclusivamente prodotto in alpeggio e proveniente da due mungiture lavorate praticamente in tempo reale (è ammesso anche fino al 10% di latte di capra). E sembra essere partita bene, con le piogge che favoriscono la crescita dell’erba (e quindi il fieno) per le vacche da latte, e la neve che, pur restando a lungo in quota, si è sciolta in tempo per far spazio ai pascoli.
Una realtà che conta 45 alpeggi operativi nel 2024 che ospiteranno circa 3mila bovine da latte e 300 capre su oltre 11mila ettari di pascoli e per rinnovare l’antico rito estivo della transumanza e creare il formaggio a latte crudo tra i più antichi d’Italia, prodotto da fine giugno a settembre in piccoli caseifici nella provincia di Sondrio e di Lecco (e in alcuni comuni limitrofi della Val Brembana) sulle vette tra i 1.400 e i 2.300 metri.

Check out our other content

Check out other tags:

Most Popular Articles