1312 views 2 mins 0 Comment

Coronavirus, la mappa di Napoli, divisa per municipalità e quartieri

- 22/05/2020

Casistica di pazienti positivi al tampone per COVID-9 nella città di Napoli – Report dal 9 al 15 maggio 2020

A cura dei Dott. di Biostatistica Vittorio Simeone e Simona Signoriello dell’Unità di Statistica Medica

 Totale di 973 casi positivi
– Nella Tabella 2 è riportato il numero assoluto dei contagi, dei deceduti, dei guariti, degli ospedalizzati e dei casi in isolamento per singola municipalità alla data del 15 maggio 2020
– In Tabella 3 è riportato il numero di positivi COVID-19 e il rispettivo tasso per 10.000 abitanti per Municipalità e quartiere riferito alle ultime due date di aggiornamento (1 maggio e 15 maggio).

Nelle ultime colonne sono stati calcolati gli incrementi assoluti e relativi dei contagi COVID-19 dal 1 maggio al 15 maggio 2020.

Dal 1 maggio al 15 maggio è stato osservato un incremento assoluto di 57 casi pari a un incremento percentuale del 6.2%. La diffusione del virus risulta inferiore rispetto al periodo. Nel periodo considerato gli incrementi per tutte le municipalità sono risultati inferiori a 10 casi in due settimane.

Figura 3 e Figura 4.

– La prima Municipalità è migliorata da rossa a gialla (raffreddamento)
– Seconda Municipalità rimasta buona verde (fredda)
– La Terza Municipalità come si prevedeva è andata verso la gialla (raffreddamento)
– La quarta Municipalità è peggiorata da verde ad arancione (riscaldamento)
– La quinta Municipalità ha migliorato attestandosi nella zona gialla, quella raffreddamento
– La sesta Municipalità non ha avuto grandi cambiamenti, forse un lieve miglioramento verso la zona fredda
– La settima Municipalità è andata peggiorando passando dalla zona fredda verde a quella arancione in riscaldamento
– L’ottava Municipalità ha un peggioramento passando dalla zona verde a quella arancione
– La nona Municipalità è rimasta invariata rimanendo nella zona arancione
– La decima Municipalità è rimasta nella zona rossa.

Si evince che i contagi adesso non procedono per uno schema “prevedibile” come è avvenuto fino ad ora che erano soprattutto all’interno dei nuclei familiari, ma molto probabilmente adesso sono dovuti agli spostamenti.