24 views 4 mins 0 Comment

Cosa succede nel cervello quando c’è un terremoto?

- 09/11/2022

ROMA – “L’esperienza della terra che trema è una delle più devastanti, perché siamo abituati a confidare nella solidità del terreno su cui poggiamo i piedi o nella protezione delle nostre case”. David Lazzari, presidente dell’Ordine nazionale degli Psicologi (Cnop), conosce bene l’impatto emotivo vissuto dalle persone che hanno fatto esperienza di terremoti. Questa mattina, purtroppo, a vivere la paura sono stati gli abitanti della costa marchigiana.

LEGGI ANCHE: VIDEO | Il terremoto in diretta durante la rassegna stampa a Fano Tv

Ma cosa attiva l’esperienza del terremoto nel cervello delle persone? “Come tutti gli eventi avversi improvvisi anche il terremoto agisce attivando le vie dello stress e del pericolo- prosegue Lazzari- vie dirette e rapide tra l’evento e la risposta. Accanto a queste, però, agiscono delle vie più lente, più consapevoli e razionali- aggiunge lo psicologo- perché in caso di pericolo è bene reagire con prontezza ed è bene farlo anche in modo sensato. Per questo la psiche può aiutarci facendo in modo che non ci siano solo risposte automatiche di fuga o di paralisi, ma risposte protettive nell’immediato”.

Provare paura è “fisiologico- rassicura Lazzari- e nei momenti critici ci aiuta a reagire. Tuttavia se è eccessiva ci crea problemi perché può appesantire le conseguenze emotive e lo stress causato dalla situazione”.

LEGGI ANCHE: VIDEO | Terremoto, ecco come si propagano le onde sismiche

Come si supera allora la paura? “È utile porsi le domande giuste, cercare di analizzare i problemi nella loro oggettività oltre ad utilizzare tecniche che possono ridurre l’ansia”, consiglia il presidente del Cnop.

LEGGI ANCHE: Terremoto, la signora Tonina a Marotta: “Gli alberghi tremavano, credevo di avere un ictus�

Le persone che vivono un terremoto dovranno quindi prestare attenzione agli stati emotivi che avvertono, così da intercettare un eventuale trauma. “In una situazione di allarme eccessivo e ricorrente può capitare di fare incubi. Se però viviamo troppi momenti di ansia è allora possibile che l’evento sia stato traumatico. Nel caso di un disturbo da stress post traumatico- sottolinea Lazzari- il trauma si può superare seguendo interventi efficaci e validati, ma tutto dipende anche dalla specifica situazione. Certamente, in molti casi, un ascolto e un aiuto psicologico sarebbero importanti. Numerosi studi sulle conseguenze per la salute dei terremoti evidenziano che l’impatto dello stress legato al terremoto si ripercuote sulla salute fisica e/o psichica, incidendo anche a distanza di tempo sull’aumento dei disturbi e dei costi a carico del Sistema sanitario nazionale”, conclude.
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte Agenzia DIRE e l’indirizzo https://www.dire.it

L’articolo Cosa succede nel cervello quando c’è un terremoto? proviene da Ragionieri e previdenza.

continua a leggere sul sito di riferimento