HomeMondoDai diritti Lgbtqia+ alla...

Dai diritti Lgbtqia+ alla disabilità: a La Stampa arriva il ‘diversity editor’ Pasquale Quaranta

ROMA – Dal 12 maggio il quotidiano La Stampa ha un Diversity Editor, una figura nuova nel panorama giornalistico italiano, ‘con l’obiettivo di informare in modo sempre più inclusivo’. Il ruolo è stato affidato a Pasquale Quaranta, 40 anni, giornalista del gruppo Gedi e attivista di lungo corso per i diritti LGBTQIA+. Si tratta di una novità assoluta nel mondo dell’informazione italiana. “In realtà, scrivo di diritti civili da vent’anni- ha raccontato Pasquale Quaranta in un’intervista all’Agenzia Dire- ma per la prima volta questo lavoro ha un ruolo e un nome specifico in un giornale”.

In effetti Quaranta ha iniziato a scrivere di diritti LGBTQAI+ nel 2003, quando ha fondato l’Arcigay a Salerno, la sua città natale. Ha collaborato con le principali testate del movimento arcobaleno, tra cui Gay.it, Gay.tv, Babilonia, Pride, e ha curato per diversi anni una rubrica sui diritti per La Nuova Ecologia, il mensile di Legambiente, prima di entrare nel gruppo Gedi. A Repubblica, per una decina di anni, si è occupato della copertura giornalistica video e social. Il suo ingresso in Gedi si era fatto notare per le interviste e gli articoli in cui dava voce alla comunità LGBTQIA+. A lui si deve l’iniziativa di colorare di arcobaleno, per la prima volta insieme, i loghi dei siti de La Stampa, Repubblica e l’Espresso in occasione della Giornata mondiale contro l’omotransfobia. Lo scorso anno ha convinto i direttori de La Stampa e La Repubblica a partecipare per la prima volta a un Pride: Repubblica è scesa in piazza al Roma Pride con lo striscione rainbow ‘Il giornale dei diritti’ e La Stampa ha organizzato un carro della redazione, con tanto di magliette arcobaleno. Adesso, è proprio dallo storico quotidiano torinese che Quaranta riparte, portando le sue competenze e la sua esperienza in una rubrica, di cui sono già state pubblicate quattro puntate.

Ma come è venuta l’idea di un ‘diversity editor’? ‘L’idea è arrivata leggendo, l’ho proposta alla direzione ed è stata subito accolta con entusiasmo dal vicedirettore Andrea Malaguti, dalla vicedirettrice Annalisa Cuzzocrea e da Massimo Giannini, che ringrazio moltissimo per la fiducia. Ma la verità è che nessuna idea è soltanto nostra: come ha ricordato di recente Michela Murgia (con cui Quaranta ha collaborato quando la scrittrice aveva un contratto con Repubblica, ndr), mi piace pensare di aver avuto un’affinità elettiva in particolare con due colleghe, Krissah Thompson e Anna Masera. Mi ha ispirato il loro impegno’.

Chi sono? ‘La prima è una giornalista del Washington Post, una caporedattrice afroamericana che ha ricoperto il ruolo di ‘Managing Editor of Diversity and Inclusion’. Dichiarò in un’intervista che il Washington Post non rappresentava l’America, e disse letteralmente ‘Non siamo dove dovremmo e vorremmo essere’. Lo stesso giornale- racconta Quaranta alla Dire- lo scorso anno ha ammesso che il 71% della redazione era bianco, incluso il 79% dei top manager. A quel punto, anche sull’onda del movimento Black Lives Matters, Thompson è diventata responsabile anche dell’assunzione e del tutoraggio del giornale con l’obiettivo di ampliare la diversità in redazione. Anna Masera, invece, è stata la ‘Public editor’ de La Stampa, ruolo che ha assunto nel 2016. Era una garante di lettrici e lettori, così ha tenuto una rubrica che era una sorta di collegamento tra il pubblico e il giornale. Della serie, il titolo o una parola non ti tornano? Diccelo e verifichiamo. Sui social, via e-mail, e anche attraverso le lettere, tutte e tuti scrivevano a lei’.

In che modo queste due colleghe ti hanno ispirato? ‘Mi sono chiesto: ‘I giornali in cui lavoro riflettono davvero l’Italia? Cosa posso fare per migliorare la situazione? Posso contribuire in qualche modo a fare la differenza?’. Anche in Italia, come negli Stati Uniti, le redazioni sono composte in maggioranza da uomini bianchi eterosessuali e cisgender. Su questo nei prossimi anni forse si può fare qualcosa’.

In cosa consiste il tuo ruolo di ‘Diversity Editor’? ‘Continuerò a produrre contenuti inclusivi e a sensibilizzare la redazione. In genere, il lavoro di un editor, cioè di un giornalista all’interno della redazione, è spesso invisibile, a differenza di un reporter. In redazione si dialoga con colleghe e colleghi che a volte magari chiedono consiglio sulla terminologia da usare, in particolare delle persone lgbtq+. Quello che si vedrà all’esterno è una rubrica intitolata proprio ‘Divesity Editor’ in cui tratterò soprattutto questioni legate a quelle caratteristiche delle persone che sono ancora oggi, purtroppo, oggetto di discriminazioni. Il mio obiettivo sarà quello di ridurre il gap tra rappresentazione mediatica e vissuto reale delle persone, di lettori e lettrici’.

Quali temi tratterai nella rubrica? ‘Mi occuperò di persone lesbiche, gay, bisessuali, transgender, queer, intersessuali, asessuali e di corpi non conformi, di persone con disabilità, di migranti, di terza età e nuove generazioni, di intersezionalità nel superiore interesse di lettrici e lettori a ricevere un’informazione corretta e rispettosa anche su questi temi. Certo- assicura Quaranta- lo farò dal mio punto di vista di giornalista gay cisgender e bianco: vivo sulla mia pelle le discriminazioni che subiscono le persone omosessuali in Italia, ma la sfida è quella di assumere un’ottica intersezionale e aprirsi ad altre condizioni di marginalità, facendo tesoro di un punto di vista privilegiato sul mondo: quello delle escluse e degli esclusi. Perché ci sono aspetti comuni fra le varie forme di discriminazioni ed esistono persone che sommano di sé più di una. Ma anche io, nonostante tutto, commetto errori, quindi continuo a leggere e studiare, ma ho bisogno dell’aiuto di lettrici e lettori, delle associazioni, a cui chiedo continuamente consigli e soprattutto di scrivermi se notate qualcosa che non va.’

Quindi non ti offenderai di fronte alle critiche? ‘Assolutamente no! Il mio obiettivo è offrire il meglio al pubblico. Anzi, vorrei fare un appello ancora più esplicito: contattatemi, ditemi le parole che vi danno fastidio e quelle che vorreste sentirvi dire! Anche le persone molto critiche sono preziose perché mi permettono di interrogarmi. Resto in ascolto, non ho la presunzione di sapere già tutto, ho voglia di imparare. La cosa bella di questa faccenda è che è viva, il linguaggio è in evoluzione continua a leggere sul sito di riferimento

ULTIM'ORA

POTREBBERO INTERESSARTI

Inclusione sociale tra realtà e utopia, dibattito alla Camera

Evento dell’Associazione Sinergitaly con Zenith Roma, 7 giu. (askanews) – “Disabilità e...

Legalità e Merito: alla Luiss la cerimonia conclusiva della VI edizione

ROMA – Stimolare il dialogo tra studenti universitari e liceali, contrastare...

XGiove band d’apertura del concerto di Zucchero a Reggio Emilia

Il 10 giugno sul palco dell’RCF Arena Roma, 7 giu. (askanews) –...

Giro di vite contro femminicidi, braccialetto elettronico e iter rapidi

Il nuovo ddl sul tavolo del Consiglio dei ministri Roma, 7 giu....

Inclusione sociale tra realtà e utopia, dibattito alla Camera

Evento dell’Associazione Sinergitaly con Zenith Roma, 7 giu. (askanews) – “Disabilità e inclusione tra realtà e utopia”. Questo il tema dell’incontro-dibattito che si è svolto alla Camera dei Deputati, organizzato dall’Associazione Sinergitaly in collaborazione con il centro Zenith, per fare sinergia tra governo, istituzioni, enti e mondo dell’associazionismo...

Legalità e Merito: alla Luiss la cerimonia conclusiva della VI edizione

ROMA – Stimolare il dialogo tra studenti universitari e liceali, contrastare la povertà educativa e favorire la trasmissione dei valori della legalità, della lotta alla corruzione, del rispetto reciproco, della tutela dell’ambiente e della cultura, promuovendo il talento di ciascuno: il progetto ‘Legalità e Merito’, nato da un’idea della Vice Presidente della Luiss...

Giro di vite contro femminicidi, braccialetto elettronico e iter rapidi

Il nuovo ddl sul tavolo del Consiglio dei ministri Roma, 7 giu. (askanews) – Arriva nel pomeriggio in Consiglio dei ministri, convocato alle 18, un disegno di legge per rafforzare il contrasto alla violenza sulle donne. Il ddl, di cui Askanews ha visionato una bozza, prevede che...

XGiove band d’apertura del concerto di Zucchero a Reggio Emilia

Il 10 giugno sul palco dell’RCF Arena Roma, 7 giu. (askanews) – La band XGIOVE, già vincitrice del Premio Riunite La Band messo in palio da Cantine Riunite per la Miglior Band Emergente al Tour Music Fest 2022, della 60esima edizione del Cantagiro e arrivata a un soffio...

Marateale: il produttore Tarak Ben Ammar ospite dell’edizione 2023

La manifestazione a Maratea dal 25 al 29 luglio Roma, 7 giu. (askanews) – Un altro nome di prestigio si aggiunge alla lista dei personaggi che saliranno sul palco della XV edizione di “Marateale – Premio internazionale Basilicata” che si terrà dal 25 al 29 luglio a Maratea,...

L’Ocse raddoppia la stima di crescita dell’Italia (+1,2%), ma sul Pnrr avverte: ritardi sulle spese

“Rimpiazzare progetti irrealizzabili con piani realizzabili”. Rallenta l’inflazione, dimezzato rapporto deficit-Pil Roma, 7 giu. (askanews) – L’Ocse ha consistentemente rivisto al rialzo le previsioni di crescita economica dell’Italia per quest’anno: ora stima un aumento del Pil dell’1,2%, praticamente il doppio di quanto indicato lo scorso 17 marzo. Nel...

Distrutta in Ucraina la diga sul Dnipro, migliaia di persone in fuga dalle città allagate

Evacuazioni proseguono anche oggi: interessati circa 40.000 residenti Roma, 7 giu. (askanews) – Migliaia di persone sono fuggite da città e villaggi pesantemente allagati dopo l’esplosione alla diga di Nova Kakhovka sul fiume Dnipro, nella regione ucraina di Kherson, e si teme che il livello dell’acqua possa aumentare...

Le prime pagine dei quotidiani di Mercoledì 7 Giugno 2023

RIPRODUZIONE RISERVATA Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte Agenzia DIRE e l’indirizzo https://www.dire.it continua a leggere sul sito di riferimento

“Giallo sapevo”, un libro in cui si muore dal ridere

L’avvocato-scrittore Gianni Puca è l’autore del libro “Giallo sapevo” che evidenzia una serie di anomalie della giustizia italiana. Come nasce l’idea di un giallo umoristico in cui casi giudiziari irrisolti, o conclusi con errori clamorosi, si fondono e si confondono con storie surreali di pura fantasia? Tra pochi giorni,...

A Milano arriva BiM, progetto per riqualificare quartiere Bicocca

Spazi viale dell’Innovazione teatro mostre, concerti, cene sociali Roma, 6 giu. (askanews) – L’estate milanese ha una nuova destinazione. Si tratta di BiM – dove Bicocca incontra Milano, un grande progetto di rigenerazione urbana nel cuore del quartiere Bicocca, che dà ufficialmente il via al palinsesto di eventi...

Schettino, Caiazzo e “Gli Arteteca” tra i protagonisti della stagione estiva del Teatro Charlot

Per il terzo anno consecutivo il Teatro Charlot di Capezzano apre il suo spazio esterno a spettacoli teatrali per grandi e piccini. Nove gli appuntamenti nel cartellone presentato questa mattina nella Sala Consiliare della sede della Provincia di Salerno. Ad illustrare il programma il direttore organizzativo Piermarco Raniero...

Schettino, Caiazzo e “Gli Arteteca” tra i protagonisti della stagione estiva del Teatro Charlot

Per il terzo anno consecutivo il Teatro Charlot di Capezzano apre il suo spazio esterno a spettacoli teatrali per grandi e piccini. Nove gli appuntamenti nel cartellone presentato questa mattina nella Sala Consiliare della sede della Provincia di Salerno. Ad illustrare il programma il direttore organizzativo Piermarco Raniero...