34 views 2 mins 0 Comment

“Dalla vigna alla tavola”: Regione Marche spinge sull’enoturismo

- 13/01/2023

Nel progetto 2022-2023 ci sono anche le birre artigianali e agricole

Milano, 13 gen. (askanews) – E’ stata presentata questa mattina nella sede della Regione ad Ancona, l’edizione 2022-2023 del progetto “Enoturismo Marche: dalla vigna alla tavola”, degustazioni, aperitivi e cene a tema per la promozione dei vini DOCG, DOC e IGT delle Marche e la valorizzazione dei prodotti alimentari di qualità. Tra gli elementi innovativi di questa edizione, l’esclusivo utilizzo di birre prodotte da aziende locali.

Regione Marche ha spiegato che nel complesso, vengono coinvolti 225 operatori del settore horeca, circa 200 cantine e oltre 20 birrifici artigianali e agricoli della regione e più di un centinaio i produttori agroalimentari coinvolti nella fornitura di prodotti di qualità, a marchio Dop, Igp o Qm. “Una sorta di viaggio enogastronomico – si legge in una nota – che consentirà di scoprire le eccellenze e le bellezze paesaggistiche di questa regione sorseggiando vino locale o gustando un prodotto del territorio”.

“Le Marche puntano sul buon vino e, novità di quest’anno, anche sulla birra per valorizzare la regione investendo sulle eccellenze del territorio, anche con momenti conviviali, significa creare occasioni importanti di promozione, sviluppo e coinvolgimento che muovono l’economia, ci rendono competitivi e attivano un settore in crescita sul mercato” ha dichiarato l’assessore all’Agricoltura, Andrea Maria Antonini, presentando l’iniziativa che integra e affianca la strategia avviata dalla giunta regionale con la legge 28/2021 che norma l’attività nel settore dell’enoturismo.

“Il progetto presentato oggi – ha concluso Antonini – offre la possibilità di conoscere oltre al vino tutto un territorio, sia da turisti che dai corregionali, permette di scambiarsi informazioni, condividendo esperienze e buone pratiche, permettendo di vivere le Marche con un turismo esperienziale anche nei mesi invernali favorendo così la destagionalizzazione”.

continua a leggere sul sito di riferimento