31 views 8 mins 0 Comment

Dopo la bufera Julia Elle sceglie di tacere: “Gestirò la mia vita privata offline”

- 23/11/2022

BOLOGNA – Aveva annunciato un’intervista chiarificatrice ad una rivista scelta da lei (“Ho scelto un certo tipo di giornalismo”, aveva detto per spiegare il rifiuto a Selvaggia Lucarelli) e dopo la diretta flop aveva rassicurato i fan sul fatto che avrebbero “saputo la verità“. Ma Julia Elle, la blogger finita nella bufera per aver nascosto ai suoi fan una parte della sua vita personale, in questi giorni che devono senz’altro essere stati tormentati per lei ha nuovamente cambiato idea. E stavolta ha deciso che no, non parlerà più di queste vicende, del suo ex Paolo Paone (lui ha rivelato al mondo dei social di non essere il padre del secondo figlio di lei, lei l’indomani lo ha definito “un uomo violento” e sconvolgendo tutti ha raccontato di aver vissuto anni di insulti e violenze), del vero padre di Chris, della “versione concordata” che è stata inserita nei libri scritti dalla Mondadori, del perchè ha taciuto dettagli e inventato cose.

Silenzio, sipario, questa è “una parte della mia vita di cui scelgo di non parlare”, dice oggi la torinese Julia Elle. E nel frattempo la sua pagina, in tre giorni da sabato a oggi, ha perso altri 4.000 seguaci: erano 639 mila sabato 19 novembre (in caduta libera e sotto di 12.000 da quando è esploso il ‘casino’), oggi 22 novembre i follower sono 635.000. Anche il fronte legale vien da pensare cammini, visto che dalla pagina del suo ex Paolo Paone sono sparite tutte le foto di Chris (cosa che l’avvocato di lei gli aveva intimato di fare, aveva rivelato lui intervistato da Selvaggia Lucarelli).

LEGGI ANCHE: Julia Elle e i follower in caduta libera: – 12 mila in pochi giorni. E lei promette: “Saprete la verità”

“RESTO ZITTA PER TUTELARE I MIEI FIGLI”

In un post postato su Instagram a metà pomeriggio di oggi, 22 novembre, la creatrice della seguitissima pagina ‘Disperatamente mamma’ ha annunciato ai suoi fan che manterrà il silenzio. Per tutelare i figli. “Questa parte della mia vita privata sarà gestita offline“, dice. Spiega che la tentazione, dopo essere finita in una bufera del genere, sarebbe quella di parlare, dire, smentire e rispondere a “deliranti dichiarazioni“. Ma poi, continua, ci ha riflettuto e ha deciso di non voler commettere “lo stesso errore di 5 anni fa”, quando scelse di “creare una versione meno complessa di una storia drammatica come la mia“. Quella appunto inserita nel libro, che nella storia Instagram in cui ha accusato Paone di violenze passate aveva chiamato “versione all’acqua di rose” e “versione concordata”. Dove la storia tra lei e Paolo finisce perchè lui non la ama più (e non il giorno in cui lei esce di casa scappando con la bambina e rifugiandosi in un centro per donne maltrattate, ha detto a sorpresa due settimana fa) e il secondo bambino è sempre figlio suo, concepito durante una folle notte di passione a bocce ferme, quando non stavano più insieme da un pezzo.

I COMMENTI

Come prenderanno i suoi follower questa decisione? Al momento, sotto il post, ci sono molti commenti positivi (del resto tutti i commenti negativi o quasi, da quando è scoppiata la ‘bomba’, sono stati puntualmente cancellati giorno per giorno) e molti cuoricini. Tante persone le dicono “bentornata“, “decisione saggia“, qualcuno scrive che “la vita privata si chiama privata per un buon motivo“, altri salutano una decisione giusta “per il bene dei bambini”. Ogni tanto spunta qualche parere contrario. Del tipo: “Ahh ora ti comoda la riservatezza. Fai ridere”. Oppure: “Verrà gestito offline quello che non ti conviene gestire online”. E anche: “Ma come.. non avevi detto che avremmo saputo la verità? Ora ti tiri indietro?”.  Qualcuno osserva che “forse bastava dire ‘scusatemi’”, qualcuno ci vede “la strada più comoda per chi è dalla parte del torto” e qualcuno fa ironia sul suo approccio educativo: “Anche questo è un metodo montessoriano?“. Si vedrà. Si vedrà come l’instagrammer sceglierà di proseguire la narrazione della sua vita. La sua pagina “Disperatamente mamma” era esattamente questo, una pagina che raccontava la sua vita con i bambini, protagonisti assoluti sui suoi social.

LEGGI ANCHE: Antonino e Belen, galeotta fu la piega a casa (e poi il piedino)

LA PAGINA ‘DISPERATAMENTE MAMMA’

La pagina ‘Disperatamente mamma’ era nata proprio per raccontare la maternità – da donna sola – in modo scanzonato e ironico. Poi la sua vita è cambiata, e la pagina con lei. Ha guadagnato notorietà, i brand hanno cominciato a cercarla e a farle avere prodotti di ogni tipo, lei si è fidanzata (e sposata) con il nuovo compagno Riccardo Macario e ricominciato con lui una nuova vita, trasferendosi a vivere in una bellissima villa e avendo con lui la terza bambina, Chiara.

QUELLO CHE NON TORNA

A cavallo tra questi due periodi – la solitudine e la difficile gestione di due figli piccoli da sola da un lato e la donna moglie di una famiglia agiata dall’altro – c’è stato un periodo in cui Julia Elle aveva celebrato la ‘famiglia allargata’, facendo incontrare insieme nelle stesse giornate (anche a Natale, per dire) l’ex Paone e il nuovo compagno Riccardo. È soprattutto questo periodo che – alla luce della recente rivelazione fatta da lei su di un passato fatto di maltrattamenti– stona, a dir la verità, più che la ‘verità’ su come siano effettivamente andate le cose tra lei e Paone, gli insulti, il mantenimento della prima figlia Chloe. Perchè quelli sono affari loro, gravi e spiacevoli qualunque lettura se ne dia, che si discuteranno per l’appunto in Tribunale. E il padre di Chris, amen, questo terzo uomo di cui non si sa nulla, anche quella è una vicenda sua personale, a dispetto del racconto ‘taroccato’ nel libro (dove senza troppo lungimiranza aveva inserito la parola ‘Giuro’ di fianco alla narrazione – falsa- del concepimento di Chris). Ma quello che lei stessa, invece, ha dato negli anni in pasto ai social spacciandolo per vero e costruendo una bella vetrina in parallelo forse ad una storia continua a leggere sul sito di riferimento