Dpcm: linea dura sul Natale. Comuni “chiusi”, stop a ricongiungimenti e seconde case

Divieto di uscire dal proprio Comune a Natale e Capodanno, ma con la possibilità di andare a pranzo al ristorante. No ai ricongiungimenti con i parenti o ai viaggi verso le seconde case fuori Regione. Niente sci, niente crociere. Sono le misure che il governo dovrebbe proporre tra poche ore al Parlamento, in vista del varo del nuovo dpcm anti-Covid, che sarà in vigore dal 4 dicembre. A Capodanno probabile chiusura alle 18 per i ristoranti degli hotel. Resta il nodo scuola, manca una decisione sul rientro in classe prima di Natale.

𝗗𝗣𝗖𝗠 𝟯 𝗗𝗜𝗖𝗘𝗠𝗕𝗥𝗘 𝟮𝟬𝟮𝟬 in vigore fino al 15 gennaio 2021
🆘
🔴
🚗 𝗦𝗣𝗢𝗦𝗧𝗔𝗠𝗘𝗡𝗧𝗜: dal 21 dicembre al 6 gennaio vietato spostarsi tra Regioni (se non per necessità lavoro o urgenza). Nei giorni 25-26/12 e 1/01 sono vietati gli spostamenti tra comuni.
🛍 𝗦𝗛𝗢𝗣𝗣𝗜𝗡𝗚: Fino al 6/1 negozi aperti tutti i giorni fino alle 21:00 – Centri commerciali chiusi nei weekend;
⚽ 𝗦𝗣𝗢𝗥𝗧: Consentiti solo incontri, gare o partite di livello nazionale o internazionale;
🍱 𝗖𝗜𝗕𝗢 𝗗𝗔 𝗔𝗦𝗣𝗢𝗥𝗧𝗢: Resta consentito asporto e domicilio fino alle 22:00
🏡 𝗦𝗘𝗖𝗢𝗡𝗗𝗘 𝗖𝗔𝗦𝗘: Sempre dal 21/12 al 6/01 sarà possibile raggiungere la seconda casa solo se all’interno della stessa Regione (ad esclusione dei giorni 25-26/12 e 1/01).
🛬 𝗩𝗜𝗔𝗚𝗚𝗜: Dal 21 dicembre al 6 gennaio quarantena obbligatoria di 14 giorni se di rientro da viaggi esteri;
🎄 𝗡𝗔𝗧𝗔𝗟𝗘: Fortemente consigliati pranzi e cene con soli famigliari e conviventi;
🎉 𝗖𝗔𝗣𝗢𝗗𝗔𝗡𝗡𝗢: il coprifuoco sarà in vigore dalle 22:00 alle 7:00 (Forte raccomandazione di non invitare amici o parenti non conviventi)
🏫 𝗦𝗖𝗨𝗢𝗟𝗔: Dal 7 gennaio Scuole secondarie di secondo grado (licei e superiori generali) in presenza almeno per il 75% degli studenti;
🍽 𝗥𝗜𝗦𝗧𝗢𝗥𝗔𝗡𝗧𝗜: In zona gialla sempre aperti a pranzo e chiusura alle 18:00;
🎿 𝗜𝗠𝗣𝗜𝗔𝗡𝗧𝗜 𝗦𝗖𝗜𝗜𝗦𝗧𝗜𝗖𝗜: Chiusi fino al 6 gennaio;
🍿𝗖𝗜𝗡𝗘𝗠𝗔 𝗘 𝗧𝗘𝗔𝗧𝗥𝗜: Chiusi durante tutte le feste;

Il ministro della Salute è intervenuto nell’aula del Senato sulle misure per l’emergenza Covid. Tra i temi affrontati, le misure del prossimo dpcm e le linee guida del piano dei vaccini elaborato dal ministero, dal commissario straordinario dell’emergenza, l’Istituto superiore di sanità e l’Aifa

Un vaccino anti Covid-19 gratuito ma non obbligatorio, almeno all’inizio. Il ministro della Salute Roberto Speranza è intervenuto nell’aula del Senato sulle misure per l’emergenza Covid. Tra i temi affrontati, le misure del prossimo dpcm e le linee guida del piano dei vaccini elaborato dal ministero, dal commissario straordinario dell’emergenza, l’Istituto superiore di sanità e l’Aifa.

Non bisogna abbassare la guardia, ha sottolineato, altrimenti si rischia una terza ondata dei contagi, dietro l’angolo. Le prossime festività di Natale vanno vissute adottando consistenti limitazioni dei movimenti e comportamenti adeguati. Secondo Speranza «con il prossimo Dpcm dobbiamo continuare con misure chiare e rigorose. Riconfermare il modello della classificazione delle regioni per aree di rischio. Le limitazioni previste dovranno essere rafforzate, anche nel quadro di un coordinamento europeo, indispensabile per le attività che si svolgono ai confini di paesi diversi. Durante le feste natalizie vanno disincentivati gli spostamenti internazionali. Dobbiamo disincentivare gli spostamenti tra regioni il 25, 26 e primo gennaio e limitare anche gli spostamenti tra comuni. Dobbiamo affrontare le feste con massima serietà se non vogliamo nuove chiusure a gennaio».

Ancora settimane sacrifici e poi cura mantenimento

«Siamo in presenza di una sostenuta circolazione del virus – ha continuato -, che rende molto difficile il contact tracing e può alimentare nuovi consistenti focolai e siamo in presenza di una forte pressione sugli ospedali, sulle terapie intensive e sull’area medica. Per la stabilizzazione dei primi risultati positivi, c’è bisogno di altre settimane di sacrifici e poi di una robusta cura di mantenimento».

Obiettivo piegare curva senza lockdown generale

L’obiettivo del governo, ha spiegato il ministro, è piegare la curva senza un lockdown generalizzato. L’esperienza di queste settimane ci dice che la scelta di un modello su gradi di rischio appare essere in grado di appiattire la curva del contagio senza un lockdown. La situazione pero è seria e non puo’ essere sottovalutata. Lo ha detto il ministro della Salute, Roberto Speranza al Senato.

No obbligo vaccinale almeno all’inizio

Il ministro ha parlato anche del piano di vaccinazione predisposto dal Governo: «Al momento – ha sottolineato – non è intenzione del Governo introdurre l’obbligo di vaccinarsi contro il Covid. I vaccini ci saranno da gennaio – ha detto il ministro – e il Paese deve arrivarci con il Servizio sanitario preparato».

Vaccino centralizzato e gratis a tutti gli italiani

L’acquisto del vaccino, ha anticipato Speranza, « è centralizzato e sarà somministrato gratuitamente a tutti gli italiani. È probabile che saranno necessarie due dosi per ogni vaccinazione, l’Italia ha opzioni 202 milioni di dosi .Le prime dosi potranno cominciare ad essere disponibili da gennaio».

Cuore campagna vaccinazione in primavera-estate

Il ministro ha ricordato che « ad oggi sono state indicate due date da Ema: 29 dicembre per vaccino Pfizer e 12 gennaio per vaccino Moderna. da queste aziende avremo 8mln di dosi da Pfizer e 1,346mila dosi da Moderna. Cuore della campagna vaccinale secondo le previsioni sarà tra la prossima primavera e l’estate».

Distribuzione vaccini con coinvolgimento esercito

Speranza ha spiegato che la distribuzione dei vaccini avverrà con coinvolgimento delle forze armate. Per i vaccini che necessitano di catena del freddo standard ci sarà un sito nazionale di stoccaggio e siti territoriali, per i vaccini con catena del freddo estrema questi saranno consegnati da aziende presso 300 punti vaccinali. Il confezionamento dei vaccini multidose richiede un numero di siringhe e diluente e il commissario straordinario assicurerà materiale necessario.

Anche specializzandi per campagna vaccini

« Nella fase iniziale – ha continuato il ministro — ci saranno vaccinazioni centralizzate presso gli ospedali o con unita’ mobili. Si stima un fabbisogno di circa 20mila persone per attuare la campagna. Si ricorrerà a professionalità esistenti nel paese anche con la pubblicazione di “invito” per partecipare alla campagna di vaccinazione nonché a stipula di accordi con il ministero della Ricerca per contatti con le scuole di specializzazione medica. Migliaia di iscritti alle scuole di specializzazione parteciperanno alla campagna vaccinale».

Per fare vaccini coinvolti anche medici famiglia

Stando alle indicazioni fornite da Speranza, «con l’ampliarsi della campagna saranno coinvolti ambulatori vaccinali, medici di famiglia, sanità militare. inoltre si sta predisponendo un sistema informativo efficiente con interfacce regionali e ci sarà una sorveglianza immunologica sulla sicurezza dei vaccini monitorando eventuali eventi avversi. Le attività di sorveglianza saranno organizzate accuratamente e l’Aifa , oltre alla farmacovigilanza, promuoverà alcuni studi indipendenti su vaccini covid e si doterà di un comitato scientifico per la campagna vaccinale».

Fiducioso che a breve Rt possa scendere sotto l’1

«Le ordinanze sono scelte ispirate dal principio di precauzione che hanno aiutato a ridurre il contagio e il numero dei nuovi casi – ha sottolineato -. Il governo si è assunto la responsabilità di scelte difficili ma necessarie. Senza di esse la pressione sugli ospedali diverrebbe insostenibile. Dall’analisi dei dati nel loro quadro evolutivo emerge che le misure adottate iniziano a dare primi incoraggianti risultati e tutto lascia prevedere che prossimo monitoraggio dovrebbe confermare il calo di rt . Sono fiducioso che a breve l’indice possa scendere sotto1».

Notizie correlate

Potrebbero interessarti

Nonno (Fdi): “Primo intervento per riqualificare il Parco Urbano dei Camaldoli”

“Con questo primo intervento è iniziata una nuova fase per il Parco Urbano dei Camaldoli, a pochi mesi dal suo insediamento il presidente del...

Matacena, commercialisti protagonisti della ripresa economica

Presentata la lista “Odcec 2.0, costruiamo insieme il futuro della professione” per l'Odcec Napoli Nord “La pandemia ha portato stravolgimenti in ogni settore: il mondo...

Kyung Wha Chu e Viktoria Baskakova vincono il Premio “Sigismund Thalberg”

La dodicesima edizione assegnata ex aequo alle pianiste americana e russa La dodicesima edizione del Premio Pianistico Internazionale Sigismund Thalberg (nella foto in alto), curata...

Moretta: “Commercialisti pronti al rilancio del brand Italia all’estero”

Lo ha detto il presidente dell'Odcec di Napoli all'incontro su “Iniziative e progetti del Sistema Italia per l'internazionalizzazione e il sostegno all'export” con il...

Nonno (Fdi): “Primo intervento per riqualificare il Parco Urbano dei Camaldoli”

“Con questo primo intervento è iniziata una nuova fase per il Parco Urbano dei Camaldoli, a pochi mesi dal suo insediamento il presidente del...

Matacena, commercialisti protagonisti della ripresa economica

Presentata la lista “Odcec 2.0, costruiamo insieme il futuro della professione” per l'Odcec Napoli Nord “La pandemia ha portato stravolgimenti in ogni settore: il mondo...

Kyung Wha Chu e Viktoria Baskakova vincono il Premio “Sigismund Thalberg”

La dodicesima edizione assegnata ex aequo alle pianiste americana e russa La dodicesima edizione del Premio Pianistico Internazionale Sigismund Thalberg (nella foto in alto), curata...

Moretta: “Commercialisti pronti al rilancio del brand Italia all’estero”

Lo ha detto il presidente dell'Odcec di Napoli all'incontro su “Iniziative e progetti del Sistema Italia per l'internazionalizzazione e il sostegno all'export” con il...

Potrebbero interessarti

- Advertisement -