Ecco un calendario della cosiddetta “Fase 2” in base a quanto emerso finora

Qual è la scaletta per la riapertura dell’Italia che porterà alla fine progressiva della quarantena da coronavirus? Si procederà per gradi con una data chiave già fissata dal Governo: il 4 maggio. Ecco un calendario della cosiddetta “Fase 2” in base a quanto emerso finora. Una decisione che sarà presa nelle prossime ore dall’esecutivo guidato da Giuseppe Conte tenendo conto del parere espresso dalla task force guidata da Vittorio Colao, alla luce delle indicazioni del comitato tecnico-scientifico e sentiti gli enti locali.

27 aprile: possibili anticipazioni
Lunedì potrebbero ottenere il via libera a una ripresa anticipata alcuni settori con un rischio più basso di contagio secondo le tabelle Inail ma solo per le aziende già in possesso dei protocolli di sicurezza: automotive, moda e componentistica. Le deroghe saranno decise dai ministeri dell’Economia e dello Sviluppo economico anche se l’orientamento del governo sarebbe di non consentire eccezioni.

4 maggio: fabbriche, cantieri e servizi
Da questa data avranno il via libera alla ripresa le attività con indice di rischio più basso: settore manifatturiero e tessile, costruzioni e commercio all’ingrosso. Obbligatorio il rispetto di nuove misure di sicurezza (turni scaglionati per entrata e uscita, postazioni di lavoro distanziate, misurazione della temperatura all’ingresso).

Per i movimenti dentro il proprio Comune non servirà più l’autocertificazione e saranno consentiti spostamenti tra Comuni della stessa Regione. Resterà il divieto di spostamenti tra Regioni. Su bus, metro, treni, aerei ci sarà un numero limitato di passeggeri con l’utilizzo alternato dei posti. Le nuove regole potrebbero prevedere misurazione della temperatura nelle stazioni e, per evitare ore di punta, tariffe differenziate nelle diverse fasce. Sui mezzi di trasporto pubblico (come in tutti i luoghi chiusi) si userà la mascherina come nei luoghi di lavoro. Si potrà tornare anche a scommettere.

A partire dal 4 maggio riprenderanno a pieno le loro attività anche i laboratori e le altre attività di ricerca.

11 maggio: negozi al dettaglio
Possibile riapertura per il commercio al dettaglio con garanzie di protezioni individuali e obbligo di distanziamento tra clienti. Per alcuni esercizi (come abbigliamento e calzature) ci sarà l’obbligo di sanificazione dei prodotti. Anche parrucchieri e centri estetici dovrebbero avere il via libera alla ripresa dell’attività: dovrà essere rispettato il rapporto di uno a uno (un operatore e un cliente) e tutti gli strumenti andranno sterilizzati.

18 maggio: bar e ristoranti
Bar e ristoranti saranno gli ultimi a poter riaprire. Si ripartirà dal servizio di asporto per tornare alla normale attività in seguito e solo potendo accogliere clienti nel rispetto del distanziamento minimo (per i tavoli almeno due metri). Andranno riviste drasticamente al ribasso le capienze dei locali.

Date da definire
Cinema, teatro, discoteche, concerti sono «attività di aggregazione» dove più alto è il rischio di trasmissione del virus. Per questo al momento non è possibile indicare una data di ripresa. Unica eccezione i cinema all’aperto che assicurino però posti distanziati. La fase tre – la riapertura totale dell’attività e il ritorno alla normalità – dovrebbe arrivare entro l’anno.

Emergenza coronavirus, ecco le regole per la ripresa delle attività produttive nella fase 2

Per tutti i lavoratori che condividono spazi comuni è previsto l’utilizzo di una mascherina chirurgica, nelle aree più a rischio si potrà ricorrere anche al tampone. E’ prevista una riorganizzazione degli spazi e degli orari di lavoro per evitare assembramenti. La prosecuzione delle attività produttive va coniugata con le condizioni di sicurezza: per le aziende inadempienti si potrà disporre anche la riduzione o sospensione temporanea delle attività.

Lavoro agile per contenere i contagi
Sono alcune delle indicazioni operative concordate dalle parti sociali , che dopo una lunga trattativa in videocollegamento con i ministri Nunzia Catalfo (lavoro) e Stefano Patuanelli (Sviluppo economico) hanno aggiornato il protocollo del 14 marzo con le misure per il contrasto e il contenimento della diffusione del virus Covid 19 nei luoghi di lavoro, in vista della “fase 2”.

Anche nella fase di progressiva riattivazione delle produzioni, il lavoro agile viene indicato come lo strumento utile in chiave di prevenzione dei contagi.

«Il confronto andato avanti per tutta la notte – ha commentato il ministro Catalfo-, si è concluso in modo proficuo. Ancora una volta, Governo e parti sociali si sono dimostrati attenti alla sicurezza dei lavoratori e, più in generale, dei cittadini. Un ulteriore passo avanti per garantire alle nostre imprese di ripartire». L’intesa, aggiunge il leader della Cgil, Maurizio Landini «verrà recepita in un dispositivo normativo. Questo ci consentirà di avere certezza ed esigibilità delle regole che abbiamo concordato».

Responsabilizzata l’azienda e il lavoratore
L’azienda ha l’obbligo di informare i lavoratori, anche con depliant sulle misure di prevenzione del contagio, ma viene responsabilizzato anche il singolo lavoratore che deve rimanere a casa se ha sintomi influenzali o la febbre oltre 37.5°. Il personale, infatti, può essere sottoposto al controllo della temperatura all’ingresso, e sopra questa soglia non potrà accedere al luogo di lavoro.

Il datore di lavoro deve essere informato della presenza di qualsiasi sintomo influenzale durante l’espletamento della prestazione lavorativa. Le persone in tale condizione saranno momentaneamente isolate e fornite di mascherine non dovranno recarsi al Pronto Soccorso o nelle infermerie di sede, ma dovranno contattare nel più breve tempo possibile il proprio medico curante e seguire le sue indicazioni.

Rientro in azienda con il tampone negativo
L’ingresso in azienda di lavoratori già risultati positivi all’infezione da Covid 19 dovrà essere preceduto da una comunicazione con la certificazione medica da cui risulti la “avvenuta negativizzazione” del tampone rilasciata dal dipartimento di prevenzione territoriale di competenza.

E’ vietato l’accesso a chi, negli ultimi 14 giorni, abbia avuto contatti con soggetti risultati positivi al Covid-19 o provenga da zone a rischio secondo le indicazioni dell’Oms.

Utilizzo di Dpi e tamponi
Se per prevenire l’attivazione di focolai epidemici, nelle aree maggiormente colpite dal virus, l’autorità sanitaria competente disporrà misure aggiuntive, come l’esecuzione del tampone per i lavoratori, «il datore di lavoro fornirà la massima collaborazione». Viene dunque attenuata la disposizione prevista dalla bozza iniziale sul ricorso generale ai tamponi nelle aree maggiormente colpite dal coronavirus.

Altra novità: l’adozione delle misure di igiene e dei dispositivi di protezione individuale è considerata «fondamentale», ma è «evidentemente legata alla disponibilità in commercio». Se il lavoro impone di lavorare a distanza interpersonale minore di un metro, e non siano possibili altre soluzioni organizzative, è «necessario l’uso delle mascherine, e altri dispositivi di protezione (guanti, occhiali, tute, cuffie, camici, ecc…) conformi alle disposizioni delle autorità scientifiche e sanitarie».

Verranno adottati i Dispositivi di protezione individuale in base al complesso dei rischi valutati e, a partire dalla mappatura delle diverse attività dell’azienda. Per tutti i lavoratori che condividono spazi comuni, è previsto l’utilizzo di una mascherina chirurgica.

Sanificazione delle aziende a rischio
Se una persona con Covid-19 è stata presente all’interno dei locali aziendali, occorre procedere alla pulizia e sanificazione, e alla loro ventilazione. Va garantita la pulizia a fine turno e la sanificazione periodica di tastiere, schermi touch, mouse con adeguati detergenti, sia negli uffici, che nei reparti produttivi.

L’azienda può organizzare interventi periodici di pulizia ricorrendo agli ammortizzatori sociali (anche in deroga).

Orari differenziati nei luoghi di lavoro
Va ridefinita l’articolazione del lavoro con orari differenziati che favoriscano il distanziamento sociale, riducendo il numero di presenze in contemporanea nel luogo di lavoro, e prevenendo assembramenti all’entrata e all’uscita con flessibilità di orari. Vanno evitati assembramenti anche per raggiungere il posto di lavoro e rientrare a casa, con l’utilizzo di navette e di mezzi privati.

E’ previsto un piano di turnazione dei dipendenti dedicati alla produzione con l’obiettivo di diminuire al massimo i contatti e di creare gruppi autonomi, distinti e riconoscibili

Pannelli in plexiglas per il distanziamento
Decisivo è il rispetto del principio del “distanziamento sociale”, che nei nei luoghi di lavoro si traduce nel riposizionamento delle postazioni lavorative, introducendo barriere di separazione con pannelli in plexiglas o mobilio, o ricavando spazi da uffici inutilizzati (come le sale riunioni, dal momento in cui si prevede il ricorso di norma a riunioni in videoconferenza, essendo sostanzialmente vietate quelle che richiedono la presenza delle persone).

Rafforzato il ruolo del medico competente
Il medico competente segnala all’azienda situazioni di particolare fragilità e patologie attuali o pregresse dei dipendenti e l’azienda provvede alla loro tutela nel rispetto della privacy.

Per il reintegro progressivo di lavoratori dopo l’infezione, il medico competente, dopo che è stato presentato il certificato che attesta il tampone negativo rilasciato dal dipartimento di prevenzione competente, effettuerà la visita medica precedente alla ripresa del lavoro, per verificare l’idoneità alla mansione e profili specifici di rischiosità.

Limiti all’accesso di fornitori esterni
Per l’accesso di fornitori esterni vanno individuate specifiche procedure di ingresso, transito e uscita, con percorsi e tempistiche predefinite, per ridurre le occasioni di contatto con il personale impiegato nei reparti o uffici aziendali.

Notizie correlate

Potrebbero interessarti

Nonno (Fdi): “Primo intervento per riqualificare il Parco Urbano dei Camaldoli”

“Con questo primo intervento è iniziata una nuova fase per il Parco Urbano dei Camaldoli, a pochi mesi dal suo insediamento il presidente del...

Matacena, commercialisti protagonisti della ripresa economica

Presentata la lista “Odcec 2.0, costruiamo insieme il futuro della professione” per l'Odcec Napoli Nord “La pandemia ha portato stravolgimenti in ogni settore: il mondo...

Kyung Wha Chu e Viktoria Baskakova vincono il Premio “Sigismund Thalberg”

La dodicesima edizione assegnata ex aequo alle pianiste americana e russa La dodicesima edizione del Premio Pianistico Internazionale Sigismund Thalberg (nella foto in alto), curata...

Moretta: “Commercialisti pronti al rilancio del brand Italia all’estero”

Lo ha detto il presidente dell'Odcec di Napoli all'incontro su “Iniziative e progetti del Sistema Italia per l'internazionalizzazione e il sostegno all'export” con il...

Nonno (Fdi): “Primo intervento per riqualificare il Parco Urbano dei Camaldoli”

“Con questo primo intervento è iniziata una nuova fase per il Parco Urbano dei Camaldoli, a pochi mesi dal suo insediamento il presidente del...

Matacena, commercialisti protagonisti della ripresa economica

Presentata la lista “Odcec 2.0, costruiamo insieme il futuro della professione” per l'Odcec Napoli Nord “La pandemia ha portato stravolgimenti in ogni settore: il mondo...

Kyung Wha Chu e Viktoria Baskakova vincono il Premio “Sigismund Thalberg”

La dodicesima edizione assegnata ex aequo alle pianiste americana e russa La dodicesima edizione del Premio Pianistico Internazionale Sigismund Thalberg (nella foto in alto), curata...

Moretta: “Commercialisti pronti al rilancio del brand Italia all’estero”

Lo ha detto il presidente dell'Odcec di Napoli all'incontro su “Iniziative e progetti del Sistema Italia per l'internazionalizzazione e il sostegno all'export” con il...

Potrebbero interessarti

- Advertisement -