Elisabetta II, Teti (docente): “Le code a Londra sono l’apologia della corona”

ROMA – “Di quante guerre e conflitti odierni la corona britannica è responsabile? Si fa prima a dire di quali non lo è”. Risponde così all’agenzia Dire Andrea Teti, professore associato di relazioni Internazionali all’università di Aberdeen, in Scozia, con molte pubblicazioni sul medio oriente. L’intervista avviene a poche ore dai funerali di Stato per la regina Elisabetta II, mentre da giorni migliaia di persone restano in fila per ore, anche di notte o sotto la pioggia, per rendere omaggio al feretro della sovrana a Edimburgo prima e nel palazzo di Westminster poi.

Fiori, lacrime e code anche in autostrada per raggiungere Londra da tutto il Paese: le immagini televisive raccontano la profonda commozione di una parte della popolazione, “ma stiamo assistendo anche all’apologia di monarca e monarchia che hanno molti lati oscuri, passati e presenti” dice Teti. Per il docente non sono pochi: “La corona britannica è passata da apice del vecchio imperialismo coloniale europeo dopo la Grande Guerra, a parte integrante dell’odierno impero globale del capitale finanziario”. Oltre al Regno Unito e all’Irlanda del Nord, molti dei quattordici “reami” su cui gli Windsor regnano “sono paradisi fiscali”, come Antigua e Barbuda, nei Caraibi, oppure Guernsey, Jersey e l’Isola di Man, che sono dipendenze dirette della Corona, ma non parte del Regno Unito. Luoghi che “rappresentano gli snodi di molte delle crisi che soffriamo oggi- denuncia Teti- perché tramite canali come questi i mercati finanziari impediscono uno sviluppo più equo e sostenibile, sia economico che ambientale che energetico”. Teti ricorda, infatti, che la ricerca dimostra che società meno diseguali prosperano, sono più stabili, felici e sane, mentre decenni di neoliberismo hanno aumentato povertà, sfruttamento, migrazioni, guerre civili e disastri ambientali.

Tensioni politiche e disuguaglianze economiche radicate nel colonialismo sono alla radice di tanti conflitti odierni, “dall’Africa sub-sahariana al medio oriente, dallo Yemen (nuovamente in guerra dal 2015, ndr), al subcontinente indiano, alla questione israelo-palestinese” che, come ricorda il docente “è nata proprio durante il Mandato”, anche grazie al fatto che i britannici “permisero l’afflusso in Cisgiordania di rifugiati ebrei europei in fuga dal nazi-fascismo che Londra, Parigi, Washington e altri si rifiutarono di accogliere”.

E Carlo? “È più probabile che sia un monarca debole. In un periodo di istituzioni fragili e partiti che si perdono in una deriva populista di destra, è un pessimo presagio per la democrazia britannica. Da lui- prosegue il docente- tutti si aspettano una svolta verde, dato che su questo si è espresso tanto. Ma la Corona- avverte ancora Teti- per convenzione si astiene da un ruolo politico esplicito, curando invece i propri interessi”. “Indelicata” e “poco umana” anche la scelta di notificare a un centinaio di dipendenti della regina il possibile licenziamento, “pare proprio durante la commemorazione per la madre nella cattedrale di Edimburgo”. E quei pochi che in questi giorni nel Regno Unito hanno protestato contro la famiglia reale invocando la Repubblica, “sono stati arrestati, tra loro persino un attivista che a Londra ha esposto cartelli contro Andrew e i suoi discutibili trascorsi giudiziari”. Il principe è rimasto coinvolto nell’inchiesta per molestie sessuali a carico del miliardario Jeffrey Epstein. Elisabetta II reagì estromettendo pubblicamente il figlio dalla famiglia reale.
]]

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte Agenzia DIRE e l’indirizzo www.dire.it

L’articolo Elisabetta II, Teti (docente): “Le code a Londra sono l’apologia della corona” proviene da Ragionieri e previdenza.

continua a leggere sul sito di riferimento

Notizie correlate

Potrebbero interessarti

Nonno (Fdi): “Primo intervento per riqualificare il Parco Urbano dei Camaldoli”

“Con questo primo intervento è iniziata una nuova fase per il Parco Urbano dei Camaldoli, a pochi mesi dal suo insediamento il presidente del...

Matacena, commercialisti protagonisti della ripresa economica

Presentata la lista “Odcec 2.0, costruiamo insieme il futuro della professione” per l'Odcec Napoli Nord “La pandemia ha portato stravolgimenti in ogni settore: il mondo...

Kyung Wha Chu e Viktoria Baskakova vincono il Premio “Sigismund Thalberg”

La dodicesima edizione assegnata ex aequo alle pianiste americana e russa La dodicesima edizione del Premio Pianistico Internazionale Sigismund Thalberg (nella foto in alto), curata...

Moretta: “Commercialisti pronti al rilancio del brand Italia all’estero”

Lo ha detto il presidente dell'Odcec di Napoli all'incontro su “Iniziative e progetti del Sistema Italia per l'internazionalizzazione e il sostegno all'export” con il...

Nonno (Fdi): “Primo intervento per riqualificare il Parco Urbano dei Camaldoli”

“Con questo primo intervento è iniziata una nuova fase per il Parco Urbano dei Camaldoli, a pochi mesi dal suo insediamento il presidente del...

Matacena, commercialisti protagonisti della ripresa economica

Presentata la lista “Odcec 2.0, costruiamo insieme il futuro della professione” per l'Odcec Napoli Nord “La pandemia ha portato stravolgimenti in ogni settore: il mondo...

Kyung Wha Chu e Viktoria Baskakova vincono il Premio “Sigismund Thalberg”

La dodicesima edizione assegnata ex aequo alle pianiste americana e russa La dodicesima edizione del Premio Pianistico Internazionale Sigismund Thalberg (nella foto in alto), curata...

Moretta: “Commercialisti pronti al rilancio del brand Italia all’estero”

Lo ha detto il presidente dell'Odcec di Napoli all'incontro su “Iniziative e progetti del Sistema Italia per l'internazionalizzazione e il sostegno all'export” con il...

Potrebbero interessarti

- Advertisement -