lunedì, 10 Giugno , 24

Europee, Vannacci: “Risultato? Contento, sono vicino al mio target”

(Adnkronos) - I risultati raggiunti alle elezioni europee...

Europee, Conte: “Risultato molto deludente”. E apre alle alleanze

(Adnkronos) - "Prendiamo atto di questo risultato deludente,...

Europee, Tajani: “Risultato straordinario, da stasera centrodestra e Ppe più forti”

(Adnkronos) - "Un risultato straordinario, Forza Italia cresce...

Europee, Schlein: “Risultato straordinario, siamo il partito che cresce di più”

(Adnkronos) - "E' un risultato per noi straordinario"....

Europee, in Francia stravince Le Pen, terremoto politico

AttualitàEuropee, in Francia stravince Le Pen, terremoto politico

Macron convoca elezioni politiche anticipate il 30 giugno
Roma, 10 giu. (askanews) – Ultradestra primo partito, partiti proeuropei per la prima volta in minoranza nel Paese ed elezioni politiche anticipate: il risultato delle europee è un terremoto politico per la Francia e per l’Europa, con Macron principale vittima. Con il 99% del voto scrutinato l’estrema destra di Rassemblement national (RN) di Marine Le Pen e il capolista Jordan Bardella ha ottenuto infatti il 31,57% dei voti – il doppio della Renaissance del presidente Macron con la candidata Valérie Hayer (14,57%) e del piccolo movimento Place Publique, di Raphaël Glucksmann, sostenuto dai socialisti (13,78%), mentre la sinistra di Insoumis si è fermata al 9,74%. I partiti europeisti (LR, Renaissance, EELV, PS-Place publique) rappresentano quindi una minoranza di elettori (41,5%), per la prima volta dal 1979, anno delle prime elezioni europee a suffragio universale diretto.
Macron ha immediatamente tratto le conclusioni e convocato delle elezioni politiche anticipate al 30 giugno (con ballottaggio al 7 luglio) che lo trasformeranno verosimilmente in un’anatra zoppa, costringendolo ad una difficile convivenza con Marine le Pen; una decisione criticata dalla sinistra, secondo la quale l’Eliseo ha agito con eccessiva fretta. Una vittoria di Le Pen alle politiche rischia infatti di complicare anche i negoziati per la formazione di una nuova Commissione: sarebbe difficile infatti tenere fuori le leader di Francia e Italia, Paesi fondatori creando una frattura fra Commissione e Consiglio europeo.
Ma allo stesso tempo i socialisti (senza i quali non è possibile alcuna maggioranza a Starsburgo) hanno ribadito il loro no a qualsiasi collaboarazione con la destra euroscettica e sovranista; i giochi si apriranno quindi con la proposta di una riedizione della “coalizione Ursula”, vale a dire Ppe, socialisti e quei liberali il cui principale pilastro era proprio il partito di Macron.

Check out our other content

Check out other tags:

Most Popular Articles