Frigerio: “Lo Stato sia protagonista nel Recovery plan, non perda l’occasione”

ROMA – Lo Stato sia centrale, protagonista nel Recovery plan mettendo “al centro” dei progetti “i cittadini” o anche questa sarà “un’occasione persa” afferma Alterio Frigerio che con Roberta Lisi ha curato ‘Pubblico è meglio. La via maestra per ricostruire l’Italia’ (Donzelli editore) con la prefazione del ministro Enrico Giovannini e interviste ad esponenti di primo piano, tra gli altri: Massimo Bray (Scuola), Rosy Bindi (Salute), Salvatore Settis (Cultura), Vincenzo Vita (Digitale), Gianna Fracassi (Lavoro) e Gaetano Azzariti (Costituzione).

Intervistato dall’agenzia Dire, Frigerio premette: “In Italia contiamo 100mila morti e un milione di nuovi poveri, le donne sono più del 90% di quelli che hanno perso il lavoro negli ultimi mesi”. Come è successo? “Per tanti anni in Italia e in Europa si è coltivata l’idea del mercato che tutto aggiustava e tutti rendeva felici, ma non è andata così. Paghiamo tutto ciò- sottolinea- perché quello che c’era prima non andava bene: la pandemia non si è rivelata una drammatica avventura da cui tornare alla situazione precedente, che già non era rose e fiori”.

Frigerio punta il dito contro “i danni del mercato e del liberismo sulla vita quotidiana: scuola, istruzione, welfare e nuove tecnologie, come la transizione digitale. Un’ideologia sbagliata in cui la pandemia ha messo a nudo la debolezza dello Stato”. Ora, ribadisce, è il momento di invertire la rotta e “rendere lo Stato centrale, protagonista, attore principale della ricostruzione altrimenti faremmo solo una manutenzione, ma è un’altra cosa”.

Come rendere lo Stato protagonista? “Invertendo la rotta, una cesura netta. Draghi qualche giorno fa ci ricordava un po’ sorpreso che nell’ultimo decennio gli investimenti pubblici e privati si sono dimezzati. Una rivelazione non sorprendente per noi: il primo investimento, oltre a garantire i servizi universali, è ricostruire lo Stato, lo Stato di prossimità vicino ai cittadini che assolva i compiti che l’articolo 3 della Costituzione gli assegna”.

Frigerio, poi, cita “un dato che riguarda la pubblica amministrazione che parla da solo: nel Regno Unito ci sono 155 addetti ogni mille abitanti, 147 in Germania, 134 in Francia, 90 in Grecia, 84 in Italia”. Ecco perché, spiega, “il personale scolastico, gli infermieri e i medici, il personale della Pubblica amministrazione nei comuni e nelle regioni non sono più in grado di assolvere ai loro compiti perché le loro competenze si sono distratte, il valore del servizio pubblico ai cittadini si è sminuito. La polemica sui fannulloni la lascio ad altri- aggiunge- dico solo che quando c’è un terremoto ci sono tanti soldi, poi non si riesce neppure ad avere gli incartamenti per ricostruire in 10 anni, perché la Pubblica amministrazione è stata defraudata dei suoi compiti”.

Infine, conclude: “Su mobilità, cultura e ambiente occorre investire, perché si può davvero cambiare il Paese. Più stato e meno mercato vuol dire investire sul futuro; di transizione ecologica tutti ne parlano ma si possono intendere tante cose diverse: se non si mettono al centro i cittadini io temo che anche questo recovery plan sia un’occasione persa”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte Agenzia DIRE e l’indirizzo www.dire.it

L’articolo Frigerio: “Lo Stato sia protagonista nel Recovery plan, non perda l’occasione” proviene da Ragionieri e previdenza.

continua a leggere sul sito di riferimento

Notizie correlate

Potrebbero interessarti

Nonno (Fdi): “Primo intervento per riqualificare il Parco Urbano dei Camaldoli”

“Con questo primo intervento è iniziata una nuova fase per il Parco Urbano dei Camaldoli, a pochi mesi dal suo insediamento il presidente del...

Matacena, commercialisti protagonisti della ripresa economica

Presentata la lista “Odcec 2.0, costruiamo insieme il futuro della professione” per l'Odcec Napoli Nord “La pandemia ha portato stravolgimenti in ogni settore: il mondo...

Kyung Wha Chu e Viktoria Baskakova vincono il Premio “Sigismund Thalberg”

La dodicesima edizione assegnata ex aequo alle pianiste americana e russa La dodicesima edizione del Premio Pianistico Internazionale Sigismund Thalberg (nella foto in alto), curata...

Moretta: “Commercialisti pronti al rilancio del brand Italia all’estero”

Lo ha detto il presidente dell'Odcec di Napoli all'incontro su “Iniziative e progetti del Sistema Italia per l'internazionalizzazione e il sostegno all'export” con il...

Nonno (Fdi): “Primo intervento per riqualificare il Parco Urbano dei Camaldoli”

“Con questo primo intervento è iniziata una nuova fase per il Parco Urbano dei Camaldoli, a pochi mesi dal suo insediamento il presidente del...

Matacena, commercialisti protagonisti della ripresa economica

Presentata la lista “Odcec 2.0, costruiamo insieme il futuro della professione” per l'Odcec Napoli Nord “La pandemia ha portato stravolgimenti in ogni settore: il mondo...

Kyung Wha Chu e Viktoria Baskakova vincono il Premio “Sigismund Thalberg”

La dodicesima edizione assegnata ex aequo alle pianiste americana e russa La dodicesima edizione del Premio Pianistico Internazionale Sigismund Thalberg (nella foto in alto), curata...

Moretta: “Commercialisti pronti al rilancio del brand Italia all’estero”

Lo ha detto il presidente dell'Odcec di Napoli all'incontro su “Iniziative e progetti del Sistema Italia per l'internazionalizzazione e il sostegno all'export” con il...

Potrebbero interessarti

- Advertisement -