256 views 2 mins 0 Comment

Giusto o sbagliato: sui vaccini non c’è una terza via

- 11/03/2021

ROMA – Non stiamo facendo filosofia né sognando la rivoluzione. Si tratta di scelte politiche, legali e legittime, soprattutto di buon senso. Bisogna sospendere subito i diritti di proprietà intellettuale sui vaccini necessari a fronteggiare la pandemia di Covid-19. Bisogna farlo per massimizzare la capacità di produzione globale e per garantire prezzi accessibili a tutti. Perché dalla pandemia ci si salva tutti insieme; altrimenti, di variante in variante, ne parleremo ancora per anni.

Oggi, a Ginevra, tocca all’Organizzazione mondiale del commercio (Wto). In particolare al suo Consiglio Trips, un acronimo che sta per Agreement on Trade-related Aspects of Intellectual Property Rights: con una decisione motivata dall’emergenza sanitaria, può sospendere quest’accordo degli anni ’90 limitatamente ai vaccini per il contrasto al Covid.

La nuova direttrice del Wto, Ngozi Okonjo-Iweala, ha proposto alcuni giorni fa sul Financial Times “una terza via” che “preservi le regole multilaterali”, favorendo al contempo la cooperazione tra aziende farmaceutiche. Il rischio è che, senza cogliere il senso dell’emergenza o forse per tutelare “Big Pharma”, si finisca per rimandare tutto ad accordi volontari. Respingendo le richieste avanzate ormai da oltre cento Paesi, compresi India e Sudafrica, entrambi membri del G20.

Sarebbe un errore. Ce lo ricorda quello che accadde in occasione di un’altra crisi, quella dell’Hiv/Aids, quando prezzi elevati e restrizioni legate alla proprietà intellettuale provocarono nell’Africa subsahariana milioni di morti che si sarebbero potuti evitare.Link:

Ngozi: https://www.ft.com/content/0654600f-92cc-47ad-bfe6-561db88f7019

Oltre cento Paesi: https://foreignpolicy.com/2021/03/10/wto-intellectual-propert-waiver-india-south-africa/

L’articolo Giusto o sbagliato: sui vaccini non c’è una terza via proviene da Ragionieri e previdenza.

continua a leggere sul sito di riferimento