Il Pd Marche spinge la proposta di legge sul fine vita dell’Associazione Coscioni

ANCONA – Le Marche saranno la prima Regione italiana a discutere la proposta di legge predisposta dall’Associazione Luca Coscioni, già trasmessa al presidente della Conferenza permanente per i rapporti tra lo Stato, le Regioni e le Province autonome di Trento e Bolzano e ai presidenti delle Regioni, per la totale applicazione e osservanza della sentenza Cappato della Corte costituzionale in merito alle procedure e ai tempi per l’assistenza sanitaria regionale al suicidio medicalmente assistito.

Nei giorni scorsi, infatti, il gruppo assembleare del Partito democratico – ricordano i dem marchigiani – ha depositato l’atto, a prima firma del capogruppo Maurizio Mangialardi, affinché venga avviato al più presto l’iter in commissione. Si tratta di una vera e propria svolta che ha l’obiettivo di arginare gli ostruzionismi, i ritardi e le difficoltà di chi chiede di accedere alla morte medicalmente assistita, puntualizzando gli aspetti procedurali dettati dalla Corte costituzionale, sia per i malati che per le strutture sanitarie chiamate a fornire risposte e assistenza.

LEGGI ANCHE: Sedazione profonda, è morto Fabio Ridolfi. Lorenzo Pellegrini ha esaudito il suo ultimo desiderio

A chiarirlo, nell’articolato è la specifica previsione che prevede che l’azienda sanitaria, a cui la persona ha formulato richiesta ai sensi della Sentenza Cappato della Corte costituzionale, effettui le verifiche nel termine di dieci giorni dalla richiesta e poi, entro cinque giorni, trasmetta le relative relazioni al Comitato etico competente che dovrà emettere il suo parere entro i successivi cinque giorni ed inviarlo all’azienda sanitaria che immediatamente informa la persona interessata.

L’obiettivo – sottolineano i dem – è quello di evitare che si verifichi di nuovo quanto accaduto di recente con i casi marchigiani di Federico Carboni (“Mario”), costretto a un’attesa di oltre due anni, Fabio Ridolfi, che a causa dei ritardi dell’Asur Marche è stato costretto a ricorrere all’interruzione delle terapie con sedazione profonda, e “Antonio”, che resta tutt’oggi in attesa delle comunicazioni del Servizio sanitario regionale, senza alcuna prospettiva sugli esiti delle verifiche già effettuate.

“Con questa proposta – afferma Maurizio Mangialardi – di cui ringrazio pubblicamente l’Associazione Luca Coscioni, offriamo alla nostra Regione l’opportunità di dotarsi di una legge volta a sanare alcune zone d’ombra contenute nella sentenza della Corte costituzionale che oggi, purtroppo, consentono al Servizio sanitario e alla giunta regionale di ostacolare dietro presunti motivi burocratici l’accesso al suicidio medicalmente assistito a quelle persone che, come Federico, Fabio e ‘Antonio’, hanno ricevuto dal Comitato etico il riconoscimento di tutti i requisiti previsti dalla sentenza stessa per poter porre fine alle loro insopportabili sofferenze”.

Quanto accaduto in questi mesi nelle Marche, ricorda l’ex sindaco di Senigallia, “ha rappresentato un’autentica vergogna: la giunta Acquaroli ha agito secondo le proprie convinzioni ideologiche e lasciato senza indirizzo politico l’Asur Marche, ignorando sia la sentenza della Corte costituzionale che le indicazioni fornite dal ministero della Sanità, contenute in un’apposita lettera indirizzata al presidente Acquaroli in cui si ribadiva chiaramente come le strutture del servizio sanitario nazionale siano chiamate a dare attuazione alle disposizioni della 242/19 e come i costi non debbano assolutamente ricadere sul paziente”. L’invito che Mangialardi rivolge “a tutti i consiglieri regionali marchigiani è quello di sottoscrivere e approvare al più presto il testo, in modo da rendere il fine vita un diritto pienamente esigibile nella nostra Regione e liberare le persone che già soffrono a causa della loro condizione da ulteriori patimenti dovuti all’insensibilità di certe forze politiche”.

Dichiara Filomena Gallo, segretario dell’associazione Luca Coscioni: “Per la libertà di ricerca scientifica la sentenza della Corte costituzionale n.242/19 (sentenza Cappato, ndr) deve essere applicata per tutti coloro che nella piena capacità di autodeterminarsi, e nelle condizioni previste dalla Consulta, vogliono decidere sul proprio fine vita. Ad oggi abbiamo assistito solo alla violazione del giudicato costituzionale da parte di soggetti che sono chiamati ad effettuare le verifiche previste dalla Consulta, violazione a danno dei malati”.

Per l’esponente dell’associazione Luca Coscioni, “è chiaro che la volontà politica degli amministratori delle Marche è contro la libertà di scelta delle persone, ma violare diritti riconosciuti configura reati, così come denunciato in sede penale dalle persone che abbiamo assistito legalmente. Affinché i diritti e le libertà nelle scelte di fine vita di tutti vengano rispettati, le Regioni dovrebbero garantire l’applicazione della sentenza Cappato, anche e soprattutto attraverso l’approvazione della proposta di legge presentata, che dovrebbe vedere la sottoscrizione di tutti coloro che ci rappresentano perché garantire libertà di scelta significa garantire diritti fondamentali”.

Intanto, auspica Gallo, “un grazie al consigliere Mangialardi e al gruppo Pd delle Marche, spero che si aggiungano altre firme e che non si ripetano i tempi di attesa di Federico Carboni, di Fabio Ridolfi e oggi ancora di Antonio che da circa due anni attende il completamento della procedura di verifica. Tutto ciò è contro le leggi dello stato e i diritti della persona. Tutto questo non deve ripetersi e la pdl che abbiamo proposto alle Regioni mira a ripristinare piena legalità”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte Agenzia DIRE e l’indirizzo www.dire.it

L’articolo Il Pd Marche spinge la proposta di legge sul fine vita dell’Associazione Coscioni proviene da Ragionieri e previdenza.

continua a leggere sul sito di riferimento

Notizie correlate

Potrebbero interessarti

Nonno (Fdi): “Primo intervento per riqualificare il Parco Urbano dei Camaldoli”

“Con questo primo intervento è iniziata una nuova fase per il Parco Urbano dei Camaldoli, a pochi mesi dal suo insediamento il presidente del...

Matacena, commercialisti protagonisti della ripresa economica

Presentata la lista “Odcec 2.0, costruiamo insieme il futuro della professione” per l'Odcec Napoli Nord “La pandemia ha portato stravolgimenti in ogni settore: il mondo...

Kyung Wha Chu e Viktoria Baskakova vincono il Premio “Sigismund Thalberg”

La dodicesima edizione assegnata ex aequo alle pianiste americana e russa La dodicesima edizione del Premio Pianistico Internazionale Sigismund Thalberg (nella foto in alto), curata...

Moretta: “Commercialisti pronti al rilancio del brand Italia all’estero”

Lo ha detto il presidente dell'Odcec di Napoli all'incontro su “Iniziative e progetti del Sistema Italia per l'internazionalizzazione e il sostegno all'export” con il...

Nonno (Fdi): “Primo intervento per riqualificare il Parco Urbano dei Camaldoli”

“Con questo primo intervento è iniziata una nuova fase per il Parco Urbano dei Camaldoli, a pochi mesi dal suo insediamento il presidente del...

Matacena, commercialisti protagonisti della ripresa economica

Presentata la lista “Odcec 2.0, costruiamo insieme il futuro della professione” per l'Odcec Napoli Nord “La pandemia ha portato stravolgimenti in ogni settore: il mondo...

Kyung Wha Chu e Viktoria Baskakova vincono il Premio “Sigismund Thalberg”

La dodicesima edizione assegnata ex aequo alle pianiste americana e russa La dodicesima edizione del Premio Pianistico Internazionale Sigismund Thalberg (nella foto in alto), curata...

Moretta: “Commercialisti pronti al rilancio del brand Italia all’estero”

Lo ha detto il presidente dell'Odcec di Napoli all'incontro su “Iniziative e progetti del Sistema Italia per l'internazionalizzazione e il sostegno all'export” con il...

Potrebbero interessarti

- Advertisement -