mercoledì, 5 Giugno , 24

Premio Strega, finale con sestina guidata da Di Pietrantonio. Sorpresa Voltolini

(Adnkronos) - La 78esima edizione del Premio Strega...

Migranti, Schleih: “Meloni in Albania? Spot elettorale da 800 milioni di euro”

(Adnkronos) - L'accordo con l'Albania sui migranti "è...

Incidente sul lavoro a Latina, muore operaio di 38 anni

(Adnkronos) - Un operaio di 38 anni è...

Ilaria Salis fa appello al governo: “Trasferitemi all’ambasciata italiana a Budapest”

PoliticaIlaria Salis fa appello al governo: “Trasferitemi all’ambasciata italiana a Budapest”

ROMA – Ilaria Salis ha scritto una mail alla presidente del Consiglio Giorgia Meloni e a tre ministri: Antonio Tajani (Esteri), Carlo Nordio (Giustizia), Matteo Piantedosi (Interno). Dopo la pubblicazione del suo indirizzo su un sito di estrema destra, la 39enne, attualmente ai domiciliari in Ungheria, teme per la propria sicurezza, per la sua famiglia e per i cittadini italiani che la assistono: “Trasferitemi all’ambasciata italiana a Budapest”. L’insegnante italiana ha già passato 15 mesi in carcere con l’accusa accusata di aver aggredito, insieme ad altri attivisti antifascisti, due militanti di estrema destra: l’episodio, di cui Salis si dice innocente, è avvenuto nel giorno di una grande manifestazione antifascista in Ungheria, a cui Salis aveva deciso di partecipare.

Fonti legali hanno spiegato che la richiesta di trasferimento in ambasciata è motivata da “pericoli per la sua sicurezza”, c’è stata una fuga di notizie sul suo indirizzo di domicilio a Budapest (letto ad alta voce dal giudice durante l’ultimo processo) e adesso Salis è preoccupata non tanto per sé quanto per i cittadini italiani che la ospitano. Solo una decisione del tribunale, però, potrebbe portare al trasferimento in ambasciata perchè praticamente equivarrebbe a un’estradizione in Italia.

L’articolo Ilaria Salis fa appello al governo: “Trasferitemi all’ambasciata italiana a Budapest” proviene da Agenzia Dire.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte Agenzia DIRE e l’indirizzo https://www.dire.it

Check out our other content

Check out other tags:

Most Popular Articles