32 views 5 mins 0 Comment

In via Veneto a Roma il ‘Crazy Pizza’ di Briatore, pizze dai 14 ai 65 euro

- 23/11/2022

ROMA – Via Veneto per i romani è la mondanità che fu, quella della ‘dolce vita’, dei paparazzi, degli atelier e delle antiche sartorie. Se non per qualche manifestazione o progetto di arte pubblica, come succede in queste settimane con le installazioni dell’artista Philip Colbert, la ‘via’ non è tra le più frequentate dai ‘local’ della Città Eterna. Restano la bellezza e la monumentalità degli alberghi di lusso, ai quali – presto – dovrebbe aggiungersi il Nobu Hotel di Robert De Niro, con il ristorante di sushi guidato da Nobu Matsuhisa.
E se l’interesse a rilanciare una strada tanto importante sembra essere all’attenzione di politica e imprenditori, tutto (o quasi) appare non troppo alla portata dei cittadini. Eppure qualcosa si muove. 

CRAZY PIZZA A VIA VENETO DOPO LONDRA E MONTECARLO

In un normalissimo giovedì di novembre, il via vai al civico 167, lì dove Briatore ha investito, fa pensare a un sabato sera di un locale del centro. Il posto in questione è il chiacchieratissimo ‘Crazy Pizza’, locale che si “allontana dal concetto tradizionale di pizzeria, proponendo un’idea nuova di ristorazione”. Dopo Londra, Montecarlo e Porto Cervo, la “Luxury Experience” del format dell’imprenditore italiano è arrivata anche a Roma e Milano.     

Impossibile non notare l’ingresso, dove un tripudio di fiori incornicia la porta. Ad accogliere i clienti-spettatori di quella che non è una semplice cena, ecco un personale decisamente coinvolgente e un dj alle prese con le hit del pop italiano. Il volume si alza dopo le 22 e i commensali si ritrovano inevitabilmente in ‘clima festa’: il culmine è all’arrivo del pizzaiolo in sala, protagonista assoluto di uno show che lo vede giocoliere con la pasta della pizza. I camerieri lo seguono sventolando tovaglioli e la sala li asseconda con urla e applausi di approvazione. Nel frattempo si mangia anche. 

Il nostro tavolo ha condiviso due insalate, la ‘Crab Salad’ con misticanza, lattuga, gamberi, polpa di granchio, avocado e salsa cocktail (38 euro) e la ‘Spinach Salad’ con spinacini, fagiolini, pinoli tostati, ravanelli, salsa a base di miele e sesamo (19 euro), entrambe inserite nel menù alla voce ‘starters’. Le porzioni sono generose e decisamente gustose: menzione speciale per entrambe. La pizza, i cui prezzi variano dai 14 euro di una semplice ‘pizza pomodoro’ ai 65 della ben nota ‘Pata Negra’, è leggera e croccante. Sottilissima ha un impasto speciale senza lievito. Tra i dessert abbiamo provato il ‘Tiramisù al minuto’, un tiramisù scomposto fai da te con mascarpone senza uova, moca, cacao e savoiardi (17 euro).

Crazy Pizza Roma_Margherita

A CRAZY PIZZA ANCHE IL MENÙ DEDICATO AGLI AMICI A 4 ZAMPE

Tra le note di colore c’è poi il menù per gli amici a 4 zampe. Pranzo e cena sono serviti anche ai cani che troveranno dal semplice snack all’hamburger in diverse varianti, le più classiche ma anche quelle vegan. Abbiamo visto con i nostri occhi l’hamburger al tofu e quello al minestrone. Una novità arrivata in tutti i ‘Crazy Pizza’ d’Europa grazie alla partnership con l’azienda di pet food ‘Genuina’. 

IL FORMAT CRAZY PIZZA E IL RILANCIO DI VIA VENETO

Ecco allora che il locale di Flavio Briatore, sbarcato a Roma poco meno di un anno fa, sembra piacere non solo ai turisti ma anche ai romani: “L’80% della nostra clientela è regular” ci racconta il personale. L’impresa sta indiscutibilmente riportando un po’ di mondanità proprio là dove mancava; materie prime a parte, l’alto costo che spesso balza alle cronache del web (e della stampa) prevede il prezzo dello show, di un personale decisamente motivato e di una location in una tra le strade più iconiche di sempre. Insomma che piaccia o no, a Roma, capitale europea, c’è spazio per tutti, anche per questo diverso intrattenimento che è, per dirla alla Briatore: una “Food experience totalizzante”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte Agenzia DIRE e l’indirizzo https://www.dire.it continua a leggere sul sito di riferimento