La fotografa romana Cristina Cenciarelli racconta Boipeba, l’isola brasiliana senza tempo

ROMA – Figlia di tante madri e padri e a sua volta madrina di tanti figli, in una comunità che l’ha accolta aprendole una dimensione nuova dal punto di vista spirituale e artistico. È la storia raccontata dagli scatti di Cristina Cenciarelli, fotografa romana che da quasi venti anni si è stabilita sull’isola di Boipeba, a largo dello Stato del Brasile settentrionale di Bahia.

Le suo foto sono al centro di una mostra, ‘Boipeba, luogo senza tempo’, visitabile fino al 3 giugno presso l’Ambasciata del Paese sudamericano a Roma, nell’ambito delle celebrazione in Italia del Bicentenario dell’indipendenza brasiliana, proclamata nel 1822. Alla galleria Candido Portinari di Palazzo Pamphilj, nell’edificio affacciato sulla centrale Piazza Navona, si può accedere gratuitamente.

I TEMI DELLA MOSTRA

I curatori della mostra Paola Asquini e Andrea Ottaviani hanno voluto mettere a disposizione più livelli comunicativi, includendo in ogni sala anche una riflessione scritta dell’autrice e un codice qr code che permette di accedere a una narrazione audio. Tre i temi che strutturano la mostra ci sono la pesca, principale attività produttiva dell’isola ma anche metronomo che scandisce un tempo “che insegna ad aspettare”; i ritratti, scattati soprattutto ad anziani dell’isola, immortalati a loro volta con altri ritratti in foto o dipinti, molto poco diffusi fra la popolazione dell’isola; il Candomblè, religione di origine africana molto diffusa sull’isola e in generale in tutto lo Stato di Bahia, ma presente anche nel resto del Brasile e in altri Paesi del Sudamerica e dei Caraibi, all’interno della quale la fotografa romana è stata accolta.

LE CERIMONIE SACRE DEL CANDOMBLÈ

Come lei stessa racconta al microfono dell’agenzia Dire infatti, Cenciarelli sull’isola è “Figlia di Santo di Oxum e di Oxalà”, due orisha, figure sacre del pantheon candomblè che hanno caratteristiche di santi e di divinità. “Questa condizione, per me che ero atea, ha costituito un cambiamento enorme: mi permette di fotografare le cerimonie sacre, a cui mi invitavano ancor prima che diventassi figlia di Santo. Queste celebrazioni sono molto intime e anche nascoste, visto che fino a poco tempo fa il Candomblè non era accettato in quanto religione portata in Brasile dagli schiavi di origine africana”, spiega l’artista romana, un passato nel mondo della pubblicità e del teatro.

LA FAMIGLIA DI BOIPEBA

“Sono stata molto aiutata da questa accoglienza perché mi ritengo una fotografa timida e avevo difficoltà a scattare di nascosto. Sono parte di una famiglia ora, figlia di madri e padri ma anche madrina di tanti figli”. Un’accoglienza che è stata quindi una via d’accesso a “una dimensione di apertura nuova e verso emozioni che non provavo più da tempo”. Cambiamenti profondi che formano quasi una visione dell’esistenza e identità nuove che però “si uniscono e si completano con quella che avevo a Roma, città dalla quale non sono fuggita. Semplicemente- conclude la fotografa- ho deciso di vivere a Boipeba”.
]]

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte Agenzia DIRE e l’indirizzo www.dire.it

L’articolo La fotografa romana Cristina Cenciarelli racconta Boipeba, l’isola brasiliana senza tempo proviene da Ragionieri e previdenza.

continua a leggere sul sito di riferimento

Notizie correlate

Potrebbero interessarti

Matacena, commercialisti protagonisti della ripresa economica

Presentata la lista “Odcec 2.0, costruiamo insieme il futuro della professione” per l'Odcec Napoli Nord “La pandemia ha portato stravolgimenti in ogni settore: il mondo...

Kyung Wha Chu e Viktoria Baskakova vincono il Premio “Sigismund Thalberg”

La dodicesima edizione assegnata ex aequo alle pianiste americana e russa La dodicesima edizione del Premio Pianistico Internazionale Sigismund Thalberg (nella foto in alto), curata...

Moretta: “Commercialisti pronti al rilancio del brand Italia all’estero”

Lo ha detto il presidente dell'Odcec di Napoli all'incontro su “Iniziative e progetti del Sistema Italia per l'internazionalizzazione e il sostegno all'export” con il...

La stanchezza emotiva provocata dal Covid-19

di ANTONIO SCAMARDELLA* Il mondo è in costante cambiamento, lo è anche e in particolare adesso. La pandemia in corso, però, sta cambiando il nostro...

Matacena, commercialisti protagonisti della ripresa economica

Presentata la lista “Odcec 2.0, costruiamo insieme il futuro della professione” per l'Odcec Napoli Nord “La pandemia ha portato stravolgimenti in ogni settore: il mondo...

Kyung Wha Chu e Viktoria Baskakova vincono il Premio “Sigismund Thalberg”

La dodicesima edizione assegnata ex aequo alle pianiste americana e russa La dodicesima edizione del Premio Pianistico Internazionale Sigismund Thalberg (nella foto in alto), curata...

Moretta: “Commercialisti pronti al rilancio del brand Italia all’estero”

Lo ha detto il presidente dell'Odcec di Napoli all'incontro su “Iniziative e progetti del Sistema Italia per l'internazionalizzazione e il sostegno all'export” con il...

La stanchezza emotiva provocata dal Covid-19

di ANTONIO SCAMARDELLA* Il mondo è in costante cambiamento, lo è anche e in particolare adesso. La pandemia in corso, però, sta cambiando il nostro...

Potrebbero interessarti

- Advertisement -