29 views 3 mins 0 Comment

L’allarme Simeup: “Nei reparti di pediatria c’è il rischio di dover ricorrere ai medici a gettone”

- 25/11/2022

ROMA – “In un momento storico in cui il mondo della pediatria a livello ospedaliero attraversa un momento di grande disagio per il numero estremamente esiguo degli operatori del settore, con grandi differenze da Regione a Regione e con il conseguente pericolo di incremento del rischio clinico e delle disuguaglianze, occorre interrogarsi su quale dovrà essere il ruolo della pediatria d’urgenza all’interno del Servizio sanitario nazionale”. È l’allarme lanciato a margine del XVI Congresso nazionale Simeup dalla Società italiana di medicina di emergenza e urgenza pediatrica, riunita al Sermig – Arsenale della Pace di Torino fino al 26 novembre.

L’evento che vede riuniti oltre 700 pediatri è l’occasione per fare il punto sulle tematiche afferenti l’emergenza – urgenza in pediatria. “La carenza dei pediatri è un problema serio e concreto evidente anche nella insufficiente partecipazione ai concorsi, comportando la necessità- spiega il presidente Simeup, Stefania Zampogna– di dover ricorre sempre più a medici a gettone, soluzione antieconomica, ma soprattutto rischiosa e inefficace nell’ottica della qualità dei servizi di assistenza e continuità delle cure. Per questi medici- sottolinea Zampogna- stante le caratteristiche delle modalità di impiego e per il fatto di prestare un servizio meramente occasionale, non è possibile in alcun modo prevedere e predisporre un percorso formativo o di affiancamento. Di fatto non hanno una struttura di riferimento, un team, una organizzazione sistematica nelle modalità di lavoro. Tutto questo lede profondamente l’identità professionale del pediatra dell’emergenza-urgenza, che la nostra società scientifica promuove e sostiene da sempre”.

ZAMPOGNA: “L’AUMENTO DEI POSTI NELLE SCUOLE DI SPECIALIZZAZIONE NON BASTA”

Affrontare casi complessi in urgenza implica lo sviluppo di un’esperienza e di un percorso logico-deduttivo ben strutturato. “L’aumento dei posti nelle Scuole di Specializzazione in pediatria– continua Zampogna- pur restando un buon segnale di attenzione da parte del governo e delle regioni, non è oggi una risposta sufficiente al bisogno di salute dei bambini atteso che avrà ricadute sull’attività degli ospedali soltanto fra diversi anni, si stima dal 2025 in poi. Diventa quindi urgente- conclude il presidente Simeup- trovare delle soluzioni razionali, basate su un preciso calcolo dei fabbisogni, a salvaguardia e difesa dell’assistenza del bambino in situazioni di urgenza ed emergenza. C’è bisogno di percorsi sicuri per accogliere e gestire i bambini anche nei Pronto soccorso generali in Italia perché i reparti di Terapia intensiva pediatrica (Tip) sono pochi e con una disomogenea distribuzione geografica, a favore delle regioni del Nord, con la conseguenza che si è costretti a ricoverare i bambini nelle terapie intensive degli adulti”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte Agenzia DIRE e l’indirizzo https://www.dire.it continua a leggere sul sito di riferimento