33 views 2 mins 0 Comment

Matteo Messina Denaro trasferito a L’Aquila, per lui carcere duro al 41-bis

- 17/01/2023

L’AQUILA – Il superboss di ‘Cosa Nostra’ latitante da 30 anni Matteo Messina Denaro, arrestato ieri a Palermo dai carabinieri del Ros, avrebbe trascorso la notte nel carcere di massima sicurezza dell’Aquila, nella frazione di Preturo, conosciuto come ‘Le costarelle’. Qui è stato è stato trasferito nel corso della notte, dopo essere atterrato a Pescara con un volo militare.

LEGGI ANCHE: Trovato il covo di Messina Denaro: era a Campobello di Mazara

Andrea Bonafede, l’identità dietro cui si nascondeva Messina Denaro. Castelvetrano in festa dopo la cattura del boss

Messina Denaro, Meloni: “Ma quale trattativa? Se la sinistra sapeva perché non l’ha preso?”

Nel carcere scontano la loro pena già decine di persone della criminalità organizzata, circa 90. Tra loro, da ieri, in regime di 41 bis (per il quale quello dell’Aquila è il carcere più grande d’Italia) c’è anche il mafioso dalla cruenta carriera criminale. Sono già da tempo rinchiusi alle ‘Costarelle’ anche Filippo Graviano, Carlo Greco e Ignazio Ribisi e, poi, il ndranghetista Pasquale Condello e i camorristi Paolo Di Lauro senior e Ferdinando Cesarano, oltre alla brigatista Nadia Desdemona Lioce (il carcere dell’Aquila ospita, infatti, l’unico reparto femminile sottoposto a tale regime), condannata all’ergastolo per gli omicidi Biagi e D’Antona
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte Agenzia DIRE e l’indirizzo https://www.dire.it

continua a leggere sul sito di riferimento