42 views 4 mins 0 Comment

Meloni porta il Governo a Cutro,verso nuove norme contro scafisti

- 06/03/2023

Giovedì riunione del Cdm a Crotone. La premier renderà anche omaggio alle vittime del naufragio

Roma, 6 mar. (askanews) – Un gesto simbolico ma anche primi provvedimenti concreti. Così a Palazzo Chigi raccontano la visita di Giorgia Meloni, giovedì pomeriggio, a Cutro, la cittadina in provincia di Crotone dove è avvenuto il naufragio della barca in cui hanno perso la vita più di 70 migranti.

A Cutro la premier riunirà il Consiglio dei ministri al Palazzo comunale nel pomeriggio, cosa che permetterà l’arrivo anche al ministro dell’Interno Matteo Piantedosi, che giovedì mattina è a Bruxelles per la riunione dei titolari degli Interni. La seduta, assicurano fonti di governo, non sarà solo una “presenza” ma vedrà alcuni provvedimenti concreti, che saranno “l’inizio di un percorso articolato sul tema dei migranti”. Sui contenuti è in corso un confronto tra i ministeri competenti e Palazzo Chigi ma, secondo quanto si apprende, il focus resta quello di colpire gli scafisti. Nel corso del pomeriggio, secondo quanto spiegato, Meloni farà anche una visita di valore “simbolico”, per rendere omaggio alle vittime.

La polemica sul governo e in particolare contro Piantedosi però rimane altissima, alla vigilia del doppio passaggio parlamentare del titolare del Viminale. Domani e mercoledì, infatti, sarà alla Camera e al Senato per riferire su quanto accaduto. Il ministro è ormai da giorni nell’occhio del ciclone per le parole dette subito dopo la tragedia: “La disperazione – era stata la sua dichiarazione – non può mai giustificare condizioni di viaggio che mettono in pericolo le vita dei propri figli”. Al momento da parte delle opposizioni non pare in campo l’ipotesi della presentazione di una mozione di sfiducia, ma nel corso del dibattito sono preannunciati interventi molto duri, con la conferma della richiesta di dimissioni.

A difesa di Piantedosi oggi si è espresso il ministro degli Esteri Antonio Tajani secondo cui l’attacco al titolare del Viminale “è solo speculazione politica”, mentre Palazzo Chigi ha smentito che ci siano “divergenze sulla linea interna al Governo sull’immigrazione”, così come il fatto che il ministro sia stato convocato da Meloni.

La parola d’ordine adesso è far stemperare la polemica e rilanciare su due fronti. Da un lato ribadire la richiesta di un intervento europeo (cosa che la premier ha già fatto scrivendo una lettera a Bruxelles, a cui dovrebbe arrivare presto una risposta) e dall’altro inasprire la lotta ai trafficanti. Questo evitando altri “scivoloni” su un fatto che, ha ricordato anche questa mattina il presidente della Repubblica Sergio Mattarella, “ha commosso l’intero Paese”. Il capo dello Stato lo scorso 2 marzo si era recato a Cutro per rendere omaggio alle vittime, un’iniziativa che era stata letta come un ‘richiamo’ all’esecutivo. E oggi, parlando a Potenza, Mattarella ha ricordato l’accoglienza messa in campo dall’Italia per i profughi afghani appena due anni fa. “Li abbiamo tutti accolti qui, non abbiamo lasciato nessuno”, ha ricordato, sottolineando che quel ricordo “ci fa comprendere il perchè intere famiglie, persone che non vedono futuro, cercano di lasciare, con sofferenza, la loro terra per avere una possibilità di futuro altrove”. Oggi, dopo la tragedia del naufragio sulle coste calabresi, ha concluso, “il cordoglio deve tradursi in scelte concrete, operative, da parte di tutti, dell’Italia per la sua parte, dell’Ue e di tutti i Paesi che ne fanno parte”. Un monito che Meloni non può né vuole ignorare.

continua a leggere sul sito di riferimento