213 views 2 mins 0 Comment

‘Mia e il leone bianco’, il successo francese in prima visione tv

- 24/03/2021

ROMA – Il successo francese, ‘Mia e il leone bianco’, campione di incassi al cinema nel 2019 sbarca in tv. Il film diretto da Gilles De Maistre, andrà in onda in prima visione, mercoledì 24 marzo, alle 21.25 su Rai1.

La pellicola racconta la storia di un’amicizia speciale. Protagonista è Mia, una bambina di 11 anni, costretta a trasferirsi dall’Inghilterra in Africa per il lavoro del padre, uno zoologo. La sua vita cambia quando nel loro allevamento nasce Charlie, un raro esemplare di leone bianco: nel corso degli anni, crescendo insieme, nasce un’amicizia molto forte tra la ragazzina e il felino. A quattordici anni, però, la protagonista scopre che il padre vuole vendere Charlie, divenuto uno splendido esemplare adulto, ai cacciatori di trofei.

TRE ANNI DI RIPRESE, SUL SET CON I LEONI

Le riprese del film – presentato alla 13esima edizione della Festa del Cinema di Roma – sono durate tre anni: un arco di tempo importante che ha permesso di immortalare su pellicola la vera crescita di Daniah De Villiers (Mia), Thor (il leone bianco Charlie nella pellicola) un altro leone maschio e 4 leonesse. Kevin Richardson, zoologo esperto di leoni noto anche come “L’uomo che sussurrava ai leoni”, ha supervisionato l’intero processo di produzione e tutte le interazioni tra i leoni e i bambini, assicurandosi che entrambe le parti fossero trattate con rispetto e in totale sicurezza. Dopo la produzione, i 6 leoni sono rimasti insieme e vivono oggi nella riserva di Kevin Richardson grazie a un fondo creato dal team di produzione. Solo tre persone potevano interagire con i leoni – Daniah, Ryan e Kevin Richardson – per garantire un ambiente di lavoro sicuro sia per gli attori sia per gli animali.

]]

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte Agenzia DIRE e l’indirizzo www.dire.it

L’articolo ‘Mia e il leone bianco’, il successo francese in prima visione tv proviene da Ragionieri e previdenza.

continua a leggere sul sito di riferimento