30 views 3 mins 0 Comment

Mutui, idealista: con il tasso variabile rata +60% in un anno

- 16/03/2023

La Bce alza i tassi di interesse: come cambiano le rate del mutuo

Roma, 16 mar. (askanews) – L’aumento dei tassi di interesse, se non costituira’ un evento tale da modificare l’andamento del mercato immobiliare, rappresentera’ comunque una sfida per il mercato dei mutui, che deve adattarsi in modo elastico a decisioni di politica monetaria sempre piu’ impegnative. E’ quanto sostiene Fabio Femiani, Mortgage Broker Operation Director di idealista/mutui dopo il rialzo dei tassi di oggi della Bce. “Le misure antinflazione applicate da Francoforte sembrano avere un impatto maggiore sulla capacita’ economica delle famiglie titolari di un mutuo che non sul mercato immobiliare stesso, che, pur rallentando leggermente rispetto al record del 2022, non parrebbe al momento subire una frenata significativa”, spiega Femiani. “Pertanto, dai nostri dati l’aumento del costo del finanziamento non sta, almeno per il momento, impattando sul mercato immobiliare in maniera cosi’ grave come alcuni esperti avevano invece previsto. Questa situazione rappresentera’ comunque una sfida per molti istituti, che dovranno adattarsi e creare delle barriere per evitare una nuova ondata di pignoramenti che potrebbe appesantire anche le stesse istituzioni finanziarie”. “Continuiamo a vedere come i mutui a tasso fisso siano più richiesti, anche se non diminuisce la richiesta di mutui misti (variabile con forme di protezione), – è l’analisi di Femiani. – Allo stesso tempo, da inizio anno, abbiamo avuto una crescita esponenziale delle richieste di surroghe: si tratta, ovviamente, di vecchi mutui ancora regolati a tasso variabile oppure, in casi minori, di mutui stipulati la scorsa estate da chi aveva scommesso sul variabile, pensando che l’aumento dei tassi fosse solo una congiuntura temporanea”. Ipotizzando di aver stipulato un mutuo a tasso variabile, “con l’aumento dei tassi Bce è inevitabile aspettarsi un aumento delle rate. Idealista ha simulato il calcolo della rata di un mutuo a tasso variabile da 200mila euro, con tasso calcolato sulla base dell’Euribor a 3 mesi e uno spread dell’1,50 per cento, erogato un anno fa, tre anni fa, cinque anni fa, confrontandolo con un mutuo erogato oggi (16 marzo). In generale, rispetto al 2022, i mutui a tasso variabile hanno registrato un aumento della rata di ben il 60 per cento.

continua a leggere sul sito di riferimento