lunedì, 8 Luglio , 24

Wimbledon, Musetti ai quarti di finale: Perricard battuto in 4 set

(Adnkronos) - Lorenzo Musetti ai quarti di finale...

Elezioni in Francia, parola ai mercati: come e quando si muovono

(Adnkronos) - Come e quando reagiranno i mercati...

Università, Iuav a Venezia forma ingegneri e pianificatori di domani, custodi di mare e ambiente

(Adnkronos) - Formare esperti ingegneri e pianificatori con...

Biden, in dubbio la valutazione medica di febbraio: Camera Usa avvia indagine

(Adnkronos) - La Commissione sorveglianza della Camera dei...

Nel ravennate protesta agricoltori alluvionati: vogliamo ripartire

AttualitàNel ravennate protesta agricoltori alluvionati: vogliamo ripartire

Manifesto in 5 puntu per rilanciare il territorio
Roma, 8 lug. (askanews) – Non solo agricoltori e rappresentanti delle cooperative, delle associazioni e delle istituzioni ma anche tanti cittadini sono arrivati di buon’ora stamani a Pieve Ponte, Faenza (RA), per chiedere di agire in fretta, a più di un anno dalle due alluvioni che hanno travolto la Romagna, per accelerare l’erogazione dei ristori e la ricostruzione.
All’insegna di “Vogliamo ripartire”, l’esortazione rilanciata più volte nel corso della mattinata, gli agricoltori spiegano: “siamo consapevoli che le sfide in essere, nella loro complessità, richiedano condivisione e collaborazione – invocano le organizzazioni agricole promotrici – Siamo anche certi che si debbano allontanare strumentalizzazioni di ogni sorta, per il bene della collettività tutta, per perseguire un obiettivo comune: la salvaguardia, la tenuta e la ripresa delle attività agricole, il rilancio del territorio, a tutela di un valore aggiunto importante che va oltre i confini regionali”.
Il presidio voluto da Confagricoltura Ravenna, Cia Romagna, Copagri, Terra Viva Emilia Romagna, Legacoop Romagna e Agci Emilia Romagna ha messo al centro un manifesto in 5 punti, una road map che è di fatto un imperativo inderogabile per chi ha a cuore il territorio ancora martoriato.
Alla manifestazione hanno partecipato il sindaco di Ravenna e presidente della Provincia Michele De Pascale e sindaci e assessori del territorio. Delle 6.168 aziende agricole presenti nel Ravennate al 31 dicembre 2023, il 28-30% ha subito danni più o meno ingenti. Per quanto concerne l’erogazione degli indennizzi di AgriCat, il fondo istituito da Ismea per risarcire i danni da calamità, il 50% delle richieste è stato respinto. Delle domande accettate solo 2 aziende su 10 stanno, seppur molto lentamente, ricevendo un parziale contributo.
Le organizzazioni agricole chiedono quindi un piano strategico di messa in sicurezza del territorio a partire dalla collina, con interventi strutturali di mantenimento e consolidamento dei terreni. Ancora, semplificazione burocratica e procedure più snelle per le perizie e le richieste di ristoro dei danni alle aziende agricole in particolare quelle di collina colpite anche da frane e smottamenti. Contributi a integrazione del reddito che siano realmente rispondenti alle esigenze degli imprenditori alluvionati, il saldo delle risorse messe finora a disposizione dal Fondo AgriCat per coprire i danni delle aziende agricole alluvionate. E infine un maggior coinvolgimento delle associazioni agricole nella gestione del Fondo AgriCat, nella determinazione dei parametri di salvaguardia delle aree alluvionate e nelle tempistiche/problematiche di erogazione dei fondi ministeriali.

Check out our other content

Check out other tags:

Most Popular Articles