Onu, allarme fame nel mondo: 34 milioni di persone rischiano la vita

ROMA – La fame nel mondo sta aumentando a livelli allarmanti in ben 20 Paesi e oltre 34 milioni di persone entro giugno “saranno a un passo dal perdere la vita per la mancanza di cibo”. A lanciare il monito è lo studio ‘Hunger Hotspots’ realizzato dall’Organizzazione per l’agricoltura e l’alimentazione (Fao) e del Programma alimentare mondiale (Wfp), diffuso oggi.

Secondo i due organismi Onu, il livello di fame più acuta si registra in Yemen, Sud Sudan e Nigeria settentrionale, con rispettivamente 16 milioni, 7 milioni e 13 milioni di persone per le quali entro l’estate l’accesso al cibo sarà a rischio. Qui “la popolazione deve fare i conti con livelli di fame acuta catastrofici”, si legge nello studio congiunto, e ci sono “famiglie in alcune zone del Sud Sudan e dello Yemen già a rischio di morte”. Il report continua: “Sebbene la maggior parte dei paesi colpiti si trovi in Africa, la fame acuta è destinata a crescere vertiginosamente nella maggior parte delle regioni del mondo: in Afghanistan, in Siria, in Libano, e ad Haiti.

All’origine di questa crisi, c’è la combinazione di guerre e instabilità, disastri naturali e cambiamenti climatici nonché l’impatto della pandemia di Covid-19 sulle economie.Per porre fine a questa situazione, il direttore esecutivo del Wfp, David Beasley, suggerisce tre condizioni: “I combattimenti devono cessare, dobbiamo avere accesso alle comunità vulnerabili per fornire aiuti salvavita e, soprattutto, abbiamo bisogno di più donazioni fino a 5,5 miliardi di dollari”.

In particolare, i conflitti armati o altre forme di violenza secondo le due organizzazioni delle Nazioni Unite potrebbero “proseguire o aumentare di intensità” in Afghanistan, Repubblica Centrafricana, Sahel centrale, Etiopia – e in particolare nella regione del Tigray – Nigeria settentrionale, Mozambico settentrionale, Somalia, Sud Sudan e Sudan. La pandemia di Covid-19 invece “continuerà ad avere un impatto su numerosi paesi in tutto il mondo, lasciandoli altamente vulnerabili agli shock economici. L’America Latina è la regione più colpita dal declino economico e sarà la più lenta a riprendersi. In Medio Oriente, Yemen, Siria e Libano sono gravemente colpiti da un rapido deprezzamento della valuta e da un’inflazione alle stelle”.

I disastri naturali tra cui il fenomeno atmosferico de La Nina e i cambiamenti climatici “continueranno ad aprile e maggio, causando fame in diverse parti del mondo, dall’Afghanistan a Madagascar e Corno d’Africa”. Le invasioni di locuste del deserto in Africa orientale e sulla costa del Mar Rosso “continuano a destare preoccupazione. Nell’Africa meridionale, in alcune parti dell’Angola, Botswana, Namibia, Zambia e Zimbabwe, le locuste migratorie africane minacciano di devastare i raccolti estivi. L’accesso sempre più limitato in alcuni paesi per aiutare le persone bisognose ha peggiorato le cose”.

In aggiunta ai paesi già citati, crisi nelle produzioni e nell’approvvigionamento di cibo si registrano in Venezuela, El Salvador, Guatemala, Honduras, poi Sierra Leone, Liberia, Burkina Faso, Mali, Niger, Sudan e Somalia.
]]

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte Agenzia DIRE e l’indirizzo www.dire.it

L’articolo Onu, allarme fame nel mondo: 34 milioni di persone rischiano la vita proviene da Ragionieri e previdenza.

continua a leggere sul sito di riferimento

Notizie correlate

Potrebbero interessarti

Nonno (Fdi): “Primo intervento per riqualificare il Parco Urbano dei Camaldoli”

“Con questo primo intervento è iniziata una nuova fase per il Parco Urbano dei Camaldoli, a pochi mesi dal suo insediamento il presidente del...

Matacena, commercialisti protagonisti della ripresa economica

Presentata la lista “Odcec 2.0, costruiamo insieme il futuro della professione” per l'Odcec Napoli Nord “La pandemia ha portato stravolgimenti in ogni settore: il mondo...

Kyung Wha Chu e Viktoria Baskakova vincono il Premio “Sigismund Thalberg”

La dodicesima edizione assegnata ex aequo alle pianiste americana e russa La dodicesima edizione del Premio Pianistico Internazionale Sigismund Thalberg (nella foto in alto), curata...

Moretta: “Commercialisti pronti al rilancio del brand Italia all’estero”

Lo ha detto il presidente dell'Odcec di Napoli all'incontro su “Iniziative e progetti del Sistema Italia per l'internazionalizzazione e il sostegno all'export” con il...

Nonno (Fdi): “Primo intervento per riqualificare il Parco Urbano dei Camaldoli”

“Con questo primo intervento è iniziata una nuova fase per il Parco Urbano dei Camaldoli, a pochi mesi dal suo insediamento il presidente del...

Matacena, commercialisti protagonisti della ripresa economica

Presentata la lista “Odcec 2.0, costruiamo insieme il futuro della professione” per l'Odcec Napoli Nord “La pandemia ha portato stravolgimenti in ogni settore: il mondo...

Kyung Wha Chu e Viktoria Baskakova vincono il Premio “Sigismund Thalberg”

La dodicesima edizione assegnata ex aequo alle pianiste americana e russa La dodicesima edizione del Premio Pianistico Internazionale Sigismund Thalberg (nella foto in alto), curata...

Moretta: “Commercialisti pronti al rilancio del brand Italia all’estero”

Lo ha detto il presidente dell'Odcec di Napoli all'incontro su “Iniziative e progetti del Sistema Italia per l'internazionalizzazione e il sostegno all'export” con il...

Potrebbero interessarti

- Advertisement -