Pechino blindata, schierati 100mila operatori sanitari

Usa: più morti che nella Prima Guerra Mondiale | La Cina si blinda, nuovo boom di casi in Brasile: quasi 35mila in 24 ore

Pechino ha registrato martedì altri 31 casi di Covid-19: dal 13 giugno sono più di 356mila i test fatti sulla popolazione a un ritmo serrato e continuo, con lunghe ed estenuanti code davanti ai numerosi laboratori messi a punto, anche mobili. Secondo le autorità municipali, il potenziale è di 400.000 test al giorno grazie ai 100mila operatori sanitari in campo, secondo i media locali. Nel conteggio al pomeriggio, i due aeroporti della capitale hanno visto la cancellazione di 1.255 in arrivo e in partenza, pari a circa il 70% del totale.

“In base alla curva epidemiologica abbiamo individuato i casi al loro stadio iniziale. Ora il trend è ancora in ascesa”: lo ha detto Pang Xinghuo, vicedirettrice del Centro per la prevenzione e il controllo delle malattie di Pechino, notando in una conferenza stampa trasmessa in streaming che “l’attuale focolaio emerso dal mercato all’ingrosso di Xinfadi, nel distretto di sudovest di Fengtai, ha provocato a Pechino 137 casi certi di Covid-19 da giovedì scorso”. Quindi, secondo Pang, “non è escluso un ulteriore incremento di contagi”.

La Cina emetterà un terzo lotto di titoli di Stato a speciale destinati a finanziare il contenimento del COVID-19 nel tentativo di bilanciare le attività di controllo dell’epidemia con lo sviluppo economico e sociale del Paese. Lo ha reso noto il ministero delle Finanze sul proprio sito-web. Le obbligazioni a tasso fisso, del valore di 70 miliardi di yuan (circa 9,89 miliardi di dollari) e con scadenza a 10 anni, potranno essere sottoscritte a partire dal 23 giugno e saranno negoziate sul mercato secondario dal 30 giugno. Il 15 giugno, il ministero aveva annunciato l’emissione dei primi due lotti di titoli di Stato a scopo speciale, compresi 50 miliardi di yuan di obbligazioni quinquennali e altrettanti di bond con scadenza a sette anni. Entrambi i titoli saranno quotati e scambiati sul mercato a partire dal 23 giugno. Quest’anno, la Cina perseguirà una politica fiscale più pro-attiva e di maggiore impatto, allargando il deficit oltre il 3,6% del Pil ed emettendo 1.000 miliardi di yuan di titoli di Stato per finanziare il contenimento del COVID-19 e liberare nuovi fondi per le aziende e i privati.

Nel frattempo la Norvegia ha affermato che il suo salmone non è stato la causa dell’epidemia di Covid-19 che si è verificata nei giorni scorsi a Pechino, che ha portato allo stop delle vendite. “Il caso è in fase di risoluzione”, ha dichiarato il ministro della pesca Odd Emil Ingebrigtsen. “Oggi stiamo lavorando ai dettagli e posso confermare che la questione sembra essere stata risolta”. I funzionari cinesi e norvegesi si sono incontrati ieri e hanno concluso che è improbabile che il salmone norvegese sia la fonte del virus rilevato la scorsa settimana sul mercato all’ingrosso di Xinfadi a Pechino. I media ufficiali avevano reso noto che il virus era stato rilevato su tavole utilizzate per tagliare il salmone importato, in quel mercato. Secondo Bjorn Olav Kvamme, capo della sezione malattie e infezioni presso il Norwegian Institute for Marine Research, “è improbabile che l’infezione non provenga dal salmone, ma potrebbe esserci piuttosto una contaminazione del prodotto o degli strumenti da parte delle persone”.

Il nuovo focolaio di Covid-19 che sta scuotendo Pechino è “preliminarmente” giudicato come causato da trasmissione da uomo a uomo o da contaminazione di oggetti o ambiente. Shi Guoqing, vice direttore del Centro d’emergenza del Chinese Center for Disease Control and Prevention, ha detto che non c’è nessuna evidenza che il salmone sia “stato veicolo o veicolo intermedio del coronavirus”. Al mercato all’ingrosso di Xinfadi sono stati trovati alcuni salmoni infetti, ma “il virus non è stato rilevato sul salmone non ancora portato al sito”, ha aggiunto Shi.

fonte: Ansa.it

Notizie correlate

Potrebbero interessarti

Nonno (Fdi): “Primo intervento per riqualificare il Parco Urbano dei Camaldoli”

“Con questo primo intervento è iniziata una nuova fase per il Parco Urbano dei Camaldoli, a pochi mesi dal suo insediamento il presidente del...

Matacena, commercialisti protagonisti della ripresa economica

Presentata la lista “Odcec 2.0, costruiamo insieme il futuro della professione” per l'Odcec Napoli Nord “La pandemia ha portato stravolgimenti in ogni settore: il mondo...

Kyung Wha Chu e Viktoria Baskakova vincono il Premio “Sigismund Thalberg”

La dodicesima edizione assegnata ex aequo alle pianiste americana e russa La dodicesima edizione del Premio Pianistico Internazionale Sigismund Thalberg (nella foto in alto), curata...

Moretta: “Commercialisti pronti al rilancio del brand Italia all’estero”

Lo ha detto il presidente dell'Odcec di Napoli all'incontro su “Iniziative e progetti del Sistema Italia per l'internazionalizzazione e il sostegno all'export” con il...

Nonno (Fdi): “Primo intervento per riqualificare il Parco Urbano dei Camaldoli”

“Con questo primo intervento è iniziata una nuova fase per il Parco Urbano dei Camaldoli, a pochi mesi dal suo insediamento il presidente del...

Matacena, commercialisti protagonisti della ripresa economica

Presentata la lista “Odcec 2.0, costruiamo insieme il futuro della professione” per l'Odcec Napoli Nord “La pandemia ha portato stravolgimenti in ogni settore: il mondo...

Kyung Wha Chu e Viktoria Baskakova vincono il Premio “Sigismund Thalberg”

La dodicesima edizione assegnata ex aequo alle pianiste americana e russa La dodicesima edizione del Premio Pianistico Internazionale Sigismund Thalberg (nella foto in alto), curata...

Moretta: “Commercialisti pronti al rilancio del brand Italia all’estero”

Lo ha detto il presidente dell'Odcec di Napoli all'incontro su “Iniziative e progetti del Sistema Italia per l'internazionalizzazione e il sostegno all'export” con il...

Potrebbero interessarti

- Advertisement -