Pioggia di missili iraniani sulle basi Usa in Iraq

E' la vendetta di Teheran per l'uccisione di Qassem Soleimani. Fonti iraniane parlano di 80 morti, ma secondo Baghdad non c'è stata alcuna vittima tra le truppe Nato o quelle irachene

“La feroce vendetta della Guardia Rivoluzionaria è iniziata”. Poco prima della mezzanotte italiana, una salva di missili balistici iraniani si è abbattuta su basi militari irachene che ospitano truppe statunitensi, avviando l’operazione ‘Soleimani Martire‘, ovvero la rappresaglia iraniana contro Washington per l’uccisione del generale Qassem Soleimani. Le vittime, secondo fonti iraniana, sono ottanta, ma Baghdad smentics eche ci siano morti tra i militari iracheni o quelli della Nato impegnati nel Paese.

“L’Iran ha lanciato oltre una decina di missili balistici contro militari statunitensi e delle forze di coalizione in Iraq. Hanno colpito almeno due basi militari irachene che ospitano truppe statunitensi, al-Asad ed Erbil“, ha precisato il Pentagono, confermando l’attacco rivendicato dai Pasdaran che hanno minacciato anche Israele e gli altri alleati Usa, intimando agli americani di lasciare la regione. Per ora non risultano vittime tra le forze Nato in Iraq, comprese quelle del contingente italiano a Erbil.

continua a leggere sul sito di riferimento

Notizie correlate

Potrebbero interessarti

Iren: rileva ramo d’azienda in Irpinia da Sidigas

Coinvolte 55mila utenze quasi tutte in provincia di Avellino continua a leggere sul sito di riferimento

Mamma-pusher con reddito di cittadinanza nel Salernitano

Lasciava la cocaina sul tavolo con la figlia di due anni in casa continua a leggere sul sito di riferimento

Presidio degli studenti a Napoli: “Pretendiamo fondi per l’edilizia”

"Il 70% degli alunni è insoddisfatto. Basta edifici che cadono a pezzi" continua a leggere sul sito di riferimento

Iren: rileva ramo d’azienda in Irpinia da Sidigas

Coinvolte 55mila utenze quasi tutte in provincia di Avellino continua a leggere sul sito di riferimento

Mamma-pusher con reddito di cittadinanza nel Salernitano

Lasciava la cocaina sul tavolo con la figlia di due anni in casa continua a leggere sul sito di riferimento

Presidio degli studenti a Napoli: “Pretendiamo fondi per l’edilizia”

"Il 70% degli alunni è insoddisfatto. Basta edifici che cadono a pezzi" continua a leggere sul sito di riferimento

Potrebbero interessarti

- Advertisement -