venerdì, 5 Luglio , 24

Porti, Autorità Palermo e Comune firmano accordo operativo

(Adnkronos) - L’Autorità di sistema portuale del mare...

‘Museo, museo diffuso, non museo’, Fnm si appassiona alla storia

(Adnkronos) - Nella cornice della Sala dei Milanesi...

Cultura, Brambilla: “Musei devono essere al servizio della società”

(Adnkronos) - "C’è un'espressione fondamentale quando si...

Premio Strega, Geppi Cucciari scatenata: frecciatine alla Rai e al ministro Sangiuliano

PoliticaPremio Strega, Geppi Cucciari scatenata: frecciatine alla Rai e al ministro Sangiuliano

ROMA – È una Geppi Cucciari scatenata quella che ha guidato l’assegnazione del Premio Strega 2024 su Rai 3 che ha visto trionfare la scrittrice Donatella Di Pietrantonio con “L’età fragile” (Einaudi).

È ancora impresso nella mente degli spettatori il siparietto dello scorso anno con il ministro della Cultura Gennaro Sangiuliano, capitolato nella gaffe diventata virale sui libri in gara non letti. “Ho ascoltato le storie che sono espresse in questi libri che sono finalisti questa sera. Sono tutte storie che ti prendono, che ti fanno riflettere. Ecco, proverò a leggerli”, aveva detto.

LEGGI ANCHE: Il ministro Sangiuliano e Geppi Cucciari al Premio Strega, è pioggia di meme sui social

Questa volta Sangiuliano non c’era, ma Geppi Cucciari non ha fatto mancare alcune frecciatine rivolte proprio al ministro. E tra le varie battute ha esclamato: “Io l’ho letto il libro, non era un audiolibro”.

“Applaudite, siamo in diretta, non si possono coprire i fischi! Applaudite fortissimo”, ha detto, poi, rivolgendosi al pubblico. Il riferimento è ai fischi di contestazione rivolti a Sangiuliano durante il Taobuk Festival di Taormina coperti, poi, dalla Rai da fragorosi applausi.

Nelle sedute del Premio Strega, quest’anno, era presente Federico Mollicone, presidente della Commissione Cultura. Ricordando la gaffe del ministro, arrivata proprio durante l’intervista della Cucciari, la conduttrice scatena le risate dicendogli: “Guardi, veramente. Una domanda a piacere, faccia lei. Non la interrogo. Di cosa vuole parlare? Dica quello che vuole. Una cosa a piacere, i confini dell’Umbria”. E alla fine dell’intervento ha aggiunto: “Lasciamoci così, è andato tutto bene. Levagli il microfono. Non si sa mai. Grazie Federico, lo dico ad alta voce. E non ho aggiunto quello che ho pensato”.

Per il Capitolo battute contro la Rai, Geppi ha commentato la scelta del co-conduttore Pino Strabioli. “È arrivata questa proposta dai piani alti. ‘Ci mettiamo Pino’. Io ho detto: ‘Se ti chiami Pino in Rai va sempre bene’“. Questa volta il riferimento è a Pino Insegno, conduttore di Reazione a Catena su Rai 1 e amico della premier Giorgia Meloni.

Strabioli ha ricordato di aver già condotto il Premio Strega nell’edizione vinta da Antonio Scurati. “Hai detto Scurati? La tua serata finisce qua”, ha replicato Cucciari ricordando il caso che ha coinvolto lo scrittore e Serena Bortone lo scorso 25 aprile. La giornalista ha ricevuto una sospensione di 6 giorni dai vertici Rai come provvedimento disciplinare.

L’articolo Premio Strega, Geppi Cucciari scatenata: frecciatine alla Rai e al ministro Sangiuliano proviene da Agenzia Dire.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte Agenzia DIRE e l’indirizzo https://www.dire.it

Check out our other content

Check out other tags:

Most Popular Articles