giovedì, 23 Maggio , 24

Spagna, crolla terrazza ristorante a Maiorca: 4 morti e 25 feriti

(Adnkronos) - Ci sono almeno 4 morti e...

Presidente ceco Pavel ferito in incidente in moto

(Adnkronos) - Il presidente ceco Petr Pavel è...

Europee, Fratelli d’Italia al 27% e Pd al 22%: il sondaggio politico

(Adnkronos) - Tra quanti immaginano di recarsi alle...

Nasce la Commissione per vigilare sui conti dei club, la bozza del decreto

(Adnkronos) - Nasce la Commissione indipendente per la...

RSF: libertà di stampa a rischio in Europa, l’Italia perde 5 posizioni

AttualitàRSF: libertà di stampa a rischio in Europa, l'Italia perde 5 posizioni

Reporters sans Frontières: pericolo Orban e influenza Cremlino
Milano, 3 mag. (askanews) – Il nuovo rapporto sulla libertà della stampa pubblicato da Reporters sans Frontières descrive un’Europa che deve fronteggiare una “organizzazione” e subisce “l’influenza tossica del Cremlino”.
La classifica annuale di RSF vede infatti peggioramenti importanti nei Balcani e in tutta l’Europa orientale, ma non solo. “Nonostante l’Unione Europea abbia adottato la sua prima legge sulla libertà dei media, l’EMFA, e il fatto che tre Paesi europei – Norvegia, Danimarca e Svezia – siano ancora in cima alla classifica, i politici cercano di ridurre lo spazio per il giornalismo indipendente”, si legge nel rapporto. Nello specifico si punta l’attenzione sui leader di Ungheria e Slovacchia, Viktor Urban e Robert Fico, ma tra i Paesi europei dove la libertà di stampa è messa in difficoltà dalle ingerenze dei governi e della politica ci sono anche Malta e la Grecia, che stanno in fondo alla classifica.
Perde cinque posizioni anche l’Italia della premier Giorgia Meloni, che si posiziona al 46esimo posto, mentre prima occupava il 41esimo. “Alcuni gruppi politici – si legge ancora nel report di RSF – alimentano l’odio e la sfiducia nei confronti dei giornalisti insultandoli, screditandoli e minacciandoli. Altri stanno orchestrando un’acquisizione dell’ecosistema mediatico, sia attraverso media di proprietà statale sotto il loro controllo, sia attraverso media di proprietà privata attraverso acquisizioni da parte di uomini d’affari alleati. L’Italia di Giorgia Meloni – dove un membro della coalizione parlamentare al potere sta cercando di acquisire la seconda più grande agenzia di stampa (AGI) – è scesa di cinque posizioni quest’anno”.

Check out our other content

Check out other tags:

Most Popular Articles