Scontri a Palermo, la sinistra si interroga su manganello e politica

PALERMO – Giusto Catania, anima della sinistra palermitana ed assessore della giunta Orlando, che ha appena lasciato il posto all’era Lagalla, prende di petto la questione: “Ciò che è accaduto ieri a Palermo è un po’ preoccupante. Non vorrei che qualcuno pensasse di accreditarsi prima dell’arrivo di un possibile governo di destra”.

Gli scontri avvenuti ieri tra polizia e manifestanti nel capoluogo siciliano, dove era in corso il comizio della leader di Fratelli d’Italia Giorgia Meloni, si spostano sul piano politico nazionale ed entrano nella campagna elettorale, ma intanto alcuni esponenti della sinistra palermitana, interpellati dalla Dire, si interrogano su quanto accaduto ieri a pochi metri dal teatro Politeama, in piano centro: “Non è la prima volta che si verificano delle contestazioni a Palermo ma non ricordo epiloghi violenti – afferma Catania -. Nella storia, anche recente, di questo Paese, ogni volta che si esasperano i toni si finisce con l’utilizzo del manganello: strumento che è servito spesso per accreditarsi con i futuri governi”.Per Catania “è un film già visto e per nulla utile”, in una città nella quale “le forze dell’ordine hanno sempre dimostrato senso di responsabilità e massima attenzione ai problemi seri come la lotta alla mafia”.

LEGGI ANCHE: Meloni contestata a Palermo, scontri tra polizia e manifestanti

Sulla stessa lunghezza d’onda Vito Lo Monaco, presidente emerito del Centro studi Pio La Torre: “Se il manganello finisse al servizio di una forza politica sarebbe sbagliato – osserva -. Saremmo di fronte a una violazione dei diritti umani e sarebbe un salto indietro a tempi che devono restare relegati alla storia”.Lo Monaco comunque condanna la violenza “da qualunque parte arrivi”: “Bisogna garantire il diritto a manifestare – conclude – ma questo deve avvenire nel rispetto della legge così come l’uso della forza da parte dello Stato, che deve essere subordinato alle norme e al rispetto dei diritti”.

In piazza ieri anche diverse ragazze in difesa del diritto all’aborto e così anche Daniela Dioguardi, volto storico della sinistra palermitana e anima del movimento femminista degli anni Settanta nel capoluogo siciliano, mette in guardia: “In Italia c’è un problema di repressione verso qualsiasi forma di contrasto ma non possiamo accorgercene soltanto ora perché in campo c’è Giorgia Meloni – sottolinea -. Anche le lotte no tav di Torino hanno subito lo stesso trattamento e non mi sembra che da sinistra si siano alzate voci in difesa di chi manifestava”.

Dioguardi evidenzia che “siamo in un periodo molto particolare” e che “può esistere il pericolo di un uso improprio del manganello”, tuttavia invita i giovani “a stare vigili e a non cadere nelle trappole che vengono tese da chi intende provocare”.

E infine l’appello: “Chi lotta per un mondo diverso non usi gli stessi metodi del potere capitalista e patriarcale. Penso che Giorgia Meloni vincerà ma dobbiamo stare attenti affinché non nascano violenze e scontri. La via da seguire per spiegare le proprie idee è sempre quella del dialogo. Ok alle contestazioni ma – ribadisce – si stia sempre attenti a non cadere nelle trappole”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte Agenzia DIRE e l’indirizzo www.dire.it

L’articolo Scontri a Palermo, la sinistra si interroga su manganello e politica proviene da Ragionieri e previdenza.

continua a leggere sul sito di riferimento

Notizie correlate

Potrebbero interessarti

Nonno (Fdi): “Primo intervento per riqualificare il Parco Urbano dei Camaldoli”

“Con questo primo intervento è iniziata una nuova fase per il Parco Urbano dei Camaldoli, a pochi mesi dal suo insediamento il presidente del...

Matacena, commercialisti protagonisti della ripresa economica

Presentata la lista “Odcec 2.0, costruiamo insieme il futuro della professione” per l'Odcec Napoli Nord “La pandemia ha portato stravolgimenti in ogni settore: il mondo...

Kyung Wha Chu e Viktoria Baskakova vincono il Premio “Sigismund Thalberg”

La dodicesima edizione assegnata ex aequo alle pianiste americana e russa La dodicesima edizione del Premio Pianistico Internazionale Sigismund Thalberg (nella foto in alto), curata...

Moretta: “Commercialisti pronti al rilancio del brand Italia all’estero”

Lo ha detto il presidente dell'Odcec di Napoli all'incontro su “Iniziative e progetti del Sistema Italia per l'internazionalizzazione e il sostegno all'export” con il...

Nonno (Fdi): “Primo intervento per riqualificare il Parco Urbano dei Camaldoli”

“Con questo primo intervento è iniziata una nuova fase per il Parco Urbano dei Camaldoli, a pochi mesi dal suo insediamento il presidente del...

Matacena, commercialisti protagonisti della ripresa economica

Presentata la lista “Odcec 2.0, costruiamo insieme il futuro della professione” per l'Odcec Napoli Nord “La pandemia ha portato stravolgimenti in ogni settore: il mondo...

Kyung Wha Chu e Viktoria Baskakova vincono il Premio “Sigismund Thalberg”

La dodicesima edizione assegnata ex aequo alle pianiste americana e russa La dodicesima edizione del Premio Pianistico Internazionale Sigismund Thalberg (nella foto in alto), curata...

Moretta: “Commercialisti pronti al rilancio del brand Italia all’estero”

Lo ha detto il presidente dell'Odcec di Napoli all'incontro su “Iniziative e progetti del Sistema Italia per l'internazionalizzazione e il sostegno all'export” con il...

Potrebbero interessarti

- Advertisement -