mercoledì, 15 Maggio , 24

Poste, con Cdp approva termini nuovo accordo su Risparmio Postale 2024-2026

(Adnkronos) - I consigli di amministrazione di Cassa...

Ingegneri clinici dal Papa, impegno per tecnologia ai più poveri

(Adnkronos) - Una delegazione dell'Associazione italiana ingegneri clinici...

L’Oréal Italia aderisce a Parks-liberi e uguali

(Adnkronos) - L’Oréal Italia aderisce a Parks-liberi e...

Sostenibilità, Falocco: “Italia Paese pioniere delle politiche e degli acquisti verdi”

DALL'ITALIA E DAL MONDOSostenibilità, Falocco: "Italia Paese pioniere delle politiche e degli acquisti verdi"

(Adnkronos) – “Un incontro di due giorni per orientare la sostenibilità, 283 miliardi di euro degli appalti pubblici, il contesto potrebbe suggerire una certa dose di attenzione o di moderazione, in verità gli acquisti verdi sono una delle soluzioni che abbiamo per far competere le nostre economie tutelando i diritti umani, ambientali e sociali lungo tutte le catene di fornitura”. Così Silvano Falocco, direttore generale Fondazione Ecosistemi, padrone di casa del Forum Compraverde Buygreen, promosso dalla Fondazione Ecosistemi. 

“Quindi è importante andare avanti con lo strumento del Green Public Procurement, ovvero degli acquisti verdi. L’Italia è il paese che per primo ha introdotto l’obbligatorietà dell’adozione dei criteri ambientali e sociali negli acquisti pubblici, è seguito dalla Francia che lo renderà obbligatorio nel 2025 ma, in verità, con il nuovo regolamento sull’ecodesign l’Europa ha detto che i Paesi membri dovrebbero trasformare questo strumento, oggi volontario in molti Paesi, in uno strumento obbligatorio”, sostiene.  

“L’Italia è un Paese pioniere delle politiche e degli acquisti verdi. Siamo indietro sulla nostra capacità di applicazione di questo strumento, non c’è omogeneità, le amministrazioni si differenziano molto rispetto alla capacità di introdurre questi criteri a seconda della loro dimensione, capacità tecniche, capacità professionali ma anche a seconda della tipologia di acquisti che andiamo comprando – conclude – Ci sono acquisti dove si prendono i criteri ambientali minimi e si mettono all’interno delle procedure di gara, ci sono invece degli acquisti come la progettazione degli edifici, delle strade e delle aree, la gestione del verde pubblico, la gestione dei rifiuti dove occorre prendere questi criteri e adattarli alle gare che abbiamo. Su questo abbiamo ancora difficoltà perché non abbiamo un sistematico processo di formazione e apprendimento”. 

Check out our other content

Check out other tags:

Most Popular Articles