lunedì, 27 Maggio , 24

Roland Garros, oggi Sinner in campo contro Eubanks: orario, dove vederlo in tv

(Adnkronos) - Jannik Sinner scende in campo oggi...

Sinner oggi in campo al Roland Garros, ecco il segreto del rientro lampo

(Adnkronos) - Jannik Sinner torna in campo oggi...

Ucraina e armi Nato contro la Russia, Lituania: “Vanno usate come vuole Kiev”

(Adnkronos) - "Il modo giusto per reagire all'aggressione...

“VitignoItalia 2024″: dal 2 giugno l’Italia del vino in scena a Napoli

Attualità"VitignoItalia 2024″: dal 2 giugno l'Italia del vino in scena a Napoli

Fino al 4 a Stazione Marittima 1.500 etichette di oltre 300 aziende
Milano, 27 mag. (askanews) – Cresce l’attesa per la 18esima edizione di “VitignoItalia 2024”, il Salone dei vini e dei territori vitivinicoli italiani di Napoli, che per la prima volta animerà i grandi spazi della Stazione Marittima da domenica 2 a martedì 4 giugno.
Presenti oltre 1.500 etichette di ben 300 aziende, con grande rappresentanza delle Cantine campane, cuore pulsante della manifestazione, ma anche tanto spazio alle realtà enologiche più interessanti dell’intera Penisola: dalle bollicine della Lombardia e del Veneto, ai grandi bianchi del Trentino, dell’Alto Adige, della Sicilia passando per le Marche, ai grandi rossi toscani, delle Langhe, dell’Abruzzo e tante altre etichette d’eccellenza da ogni angolo della Penisola. Nonché la presenza del Consorzio Conegliano Valdobbiadene Docg, il Consorzio di Tutela Vini Roma Doc, il Consorzio Doc Friuli e, dalla Sicilia, l’Istituto Regionale del Vino e dell’Olio.
“Quella di quest’anno è un’edizione più che mai ibrida che vedrà in dialogo produttori, professionisti del settore ma anche studiosi e comunicatori per un percorso degustazione ancora più immersivo, garantito anche dagli ampi spazi della Stazione Marittima” ha spiegato il direttore di “VitignoItalia”, Maurizio Teti, aggiungendo “non vediamo l’ora di offrire a tutti, dagli appassionati agli operatori del trade, una tre giorni che metta in luce non solo la qualità e la diversità dei vini italiani, ma anche tutte le connessioni trasversali che caratterizzano il nostro format”.
In calendario “una panoramica non solo sui grandi terroir ma anche su tutte le ibridazioni tra il vino, la letteratura e la scienza”: dall’appuntamento alla scoperta degli “under water wines” dal titolo “Il vino e il mare”, alla degustazione al buio con Luca Boccoli, passando dalla presentazione di libri e guide presso l’Agorà. e tante altre masterclass che “offriranno ai visitatori l’opportunità di approfondire le Denominazioni più affascinanti della Penisola”.
Anche questa edizione vedrà confermata la partnership con Ice che si concretizzerà con la partecipazione di venti buyer provenienti da 18 Paesi: dalla Germania, Croazia e Ungheria alla Svezia e Libano, fino oltreoceano dal Canada e Usa. Un gruppo selezionato di operatori del settore presenti nelle prime due giornate dell’evento e poi impegnati in un “educational tour” nei Campi Flegrei, per approfondire uno dei territori del vino più affascinanti della regione. “Il tutto – hanno evidenziato gli organizzatori – in linea con la combinazione che da anni scrive il successo del format, ossia integrare il percorso degustazione a momenti ‘business oriented’ focalizzati sul trade e sulla promozione del vino sui mercati esteri”.
Tra le novità di quest’anno anche una serata dedicata ai più giovani con la “preview” di “VitignoItalia” in programma sabato 1 giugno, orientata all’educazione al consumo moderato e responsabile.

Check out our other content

Check out other tags:

Most Popular Articles