venerdì, 19 Aprile , 24

Ue, Letta: finanziare transizione con nuovi strumenti risparmio

“Se ne vanno in Usa 300 mld l’anno invece...

Gb, scandalo sangue infetto, bambini usati come cavie in anni 70,80

Nell’ambito di ricerche sull’emofilia Roma, 19 apr. (askanews) – Negli...

Questione morale,Conte: Meloni scoraggia risveglio Italia

Lei tace su scandali a destra e ministri e...

Israele attacca l’Iran: “reazione mirata a difesa nostra esistenza”

Esplosioni nella base militare di Isfahan, non risultano vittime....

Ambasciata Iran in Siria, Israele uccide comandante pasdaran: chi era

DALL'ITALIA E DAL MONDOAmbasciata Iran in Siria, Israele uccide comandante pasdaran: chi era

(Adnkronos) – Il raid di Israele su Damasco colpisce la zona dell’ambasciata iraniana in Siria e provoca 7 morti. Tra le vittime, secondo i media di Teheran, spicca Mohammad Reza Zahedi, un comandante della Forza Quds del Corpo delle Guardie Rivoluzionarie Islamiche (Irgc) in Siria. Secondo l’agenzia di stampa iraniana ‘Tasnim’, tra le vittime ci sarebbe anche Mohammad Hadi Haji Rahimi, l’ex vice coordinatore della Forza Quds.  

Nato a Isfahan, Mohammad Reza Zahedi è stato uno dei comandanti più anziani del Corpo delle guardie rivoluzionarie islamiche iraniane). Prima di essere inviato in Libano e in Siria, era il capo delle forze aeree e di terra dell’Irgc. E’ entrato e uscito dal Libano dagli anni ’80 e ’90, e, spiega ‘Al Jazeera’, era destinato a essere il capo dell’Irgc in Libano, il che significa che era in stretto coordinamento con il gruppo libanese Hezbollah. 

Nel 2021 è stato nominato generale supremo dell’Irgc in Libano e in Siria. Secondo ‘Al Jazeera’ Zahedi era molto rispettato all’interno dell’Iran e soprattutto all’interno della gerarchia della leadership. 

Il portavoce del Dipartimento di Stato degli Stati Uniti, Matthew Miller, riferisce la ‘Cnn’, ha detto che gli Stati Uniti “non hanno avuto conferma né dell’obiettivo né chi è responsabile” dell’attacco al consolato iraniano a Damasco. “Prima di aver raccolto informazioni su cosa è successo esattamente, non voglio parlarne in modo specifico”, ha aggiunto Miller nel corso di una conferenza stampa. “Ma, naturalmente, siamo sempre preoccupati per tutto ciò che potrebbe essere un’escalation o causare un aumento dei conflitti nella regione”. 

Check out our other content

Check out other tags:

Most Popular Articles