lunedì, 15 Aprile , 24

Samsung risupera Apple: numero 1 globale su smartphone nel I trim

Dopo due trimestri in cui la casa californiana aveva...

Pd-M5s,Schlein: l’alleanza alternativa alle destre non è morta, continuiamo a lavorare

“Non facciamo polemiche” Roma, 15 apr. (askanews) – “Il Pd...

Autonomia, Meloni: fiduciosa, non è questione di giorno prima o dopo

“Maggioranza ha fatto gran lavoro, dimostrato di voler andare...

Autonomia, Meloni: fiduciosa, non è questione di giorno prima o dopo

“Maggioranza ha fatto gran lavoro, dimostrato di voler andare...

Pallanuoto, Setterosa ai quarti mondiali contro gli Usa

AttualitàPallanuoto, Setterosa ai quarti mondiali contro gli Usa

Battuta l’Australia 14-7, in vasca lunedì per la semifinale

Roma, 22 lug. (askanews) – Un ottavo di finale affrontato col piglio giusto per provare a ribaltare il mondo. Il Setterosa doppia l’Australia 14-7 (4-1, 6-2, 1-3, 3-1) e si regala un quarto da brivido ai campionati del mondo di pallanuoto contro le tricampionesse olimpiche degli Stati Uniti, nonché quadricampionesse iridate in carica. Si giocherà lunedì 24 luglio alle 16.00 locali (le 9 italiane).

“C’è ancora un po’ di lavoro da fare perché oggi abbiamo lavorato bene in difesa per i primi due tempi – il pensiero di coach Silipo – Poi c’è stato un piccolo cedimento ma non è ancora il Setterosa che conosco e che si è imposto per gioco dall’europeo in poi. Oggi hanno lavorato bene i centri davanti, facendo dei buoni movimenti e liberando sempre le nostre tiratrici. Ora ci siamo regalati un quarto di finale contro gli Stati Uniti dove dovremo far sentire a loro la pressione di un match da dentro o fuori. Loro partono favoriti e dovremo esser bravi a contrastare le loro controfughe e limitare le loro tiratrici. Senza paura però, giocare come nelle ultime due partite n World Cup: a Rotterdam ed ad Atene abbiamo giocate bene fronteggiandole sino alla fine. Bisogna voltar pagina dopo la la brutta sconfitta con la Grecia, dove la tensione cio ha giocato un brutto scherzo. Anche io ho sbagliato perché potevo legger meglio alcune fasi di gioco e utlizzare meno la zona e più il contatto fisico che meglio si addice alle caratteristiche difensive delle mie ragazze.”

Check out our other content

Check out other tags:

Most Popular Articles