venerdì, 12 Aprile , 24

Giornata Terra, Fondazione Barilla regala 100mila copie di 100 Foods Facts

Iniziativa al centro della campagna sui temi dello spreco...

Fondi Fsc, De Luca: si anticipi udienza del Consiglio di Stato

Il 13 giugno è troppo tardi, salterebbe programmazione culturale Napoli,...

Fondi Fsc, De Luca: Consiglio Stato invita a rapida soluzione

Sospesi termini per nominare un commissario ad acta Napoli, 12...

Svelati i primi artisti di Party Like a Deejay a Milano

L’8 e il 9 giugno con tantissimi artisti italiani...

Cagliari, centrodestra candida Zedda e il Psd’Az lascia coalizione

AttualitàCagliari, centrodestra candida Zedda e il Psd'Az lascia coalizione

Ex vicepresidente Regione domani presenta candidatura

Milano, 3 apr. (askanews) – Sarà Alessandra Zedda la candidata a sindaco di Cagliari per il centrodestra. Ma il Partito Sardo d’Azione annuncia l’uscita dalla coalizione. Lo strappo si consuma nel pomeriggio, quando le indiscrezioni sulla scelta di Zedda si fanno sempre più insistenti: la ex vice presidente della Regione presenterà domani la sua candidatura, ma subito il Psd’Az mostra tutto il suo malcontento, denunciando “il clima e l’atteggiamento di autentica ostilità che i partiti del centrodestra continuano a riservare al Partito Sardo d’Azione” e annunciando la “conseguenza politica ovvia e scontata: il Psd’Az non parteciperà a nessuna delle riunioni della coalizione del centrodestra sardo e in attesa delle determinazioni che in proposito assumerà il congresso nazionale, demanda ai coordinamenti provinciali eventuali accordi di tipo strettamente elettorale al livello locale e senza vincolo di schieramento, in occasione delle imminenti elezioni amministrative”.

Non è un mistero che i sardisti puntassero alla candidatura di Cagliari con l’ex assessore regionale del turismo, Gianni Chessa, come compensazione per il passo indietro imposto a Christian Solinas, non ricandidato alla guida della Regione per far correre l’ex sindaco di Cagliari Paolo Truzzu, poi sconfitto da Alessandra Todde.

E invece “registriamo la riproposizione di dinamiche politiche inaccettabili e modi che non soltanto offendono i valori della lealtà e della correttezza che da oltre un secolo ci appartengono come sardisti, ma che sono in spregio persino ai più elementari principi della buona educazione e ai modi che dovrebbero rappresentare il comune patrimonio di civili maniere e corrette forme di relazione sia pubblica che privata”.

Da qui la rottura con la coalizione e anche con la Lega, che così potrebbe perdere un alleato importante nell’isola in vista delle Europee.

Check out our other content

Check out other tags:

Most Popular Articles