mercoledì, 17 Aprile , 24

Vino, assegnato a Vinitaly il 51esimo “Premio Angelo Betti”

Tra i Benemeriti della vitivinicoltura c’è anche Marisa Leo Milano,...

Forza Italia frena sull’Autonomia, tensione con la Lega

Pioggia di emendamenti in Commissione alla Camera. Botta e...

Ponte Stretto,Schlein a Salvini:anche Pichetto è nemico Italia?

Ministero dice quello che abbiamo denunciato noi e associazioni:è...

CA Auto Bank partner finanziario di Dongfeng Italia

In vista del debutto sul mercato con il marchio...

Consorzio Vini Etna Doc a Vinitaly con una collettiva di 50 aziende

AttualitàConsorzio Vini Etna Doc a Vinitaly con una collettiva di 50 aziende

La Denominazione sarà anche a OperaWine con sette Etna Doc

Milano, 4 apr. (askanews) – Il Consorzio Tutela Vini Etna Doc ritorna a Vinitaly, in programma a Veronafiere dal 14 al 17 aprile, con una collettiva di 50 aziende in un’area di 360 metri quadri nell’Area Istituzionale del Padiglione 2.

Oltre agli incontri b2b e degustazioni su appuntamento, sono diversi gli appuntamenti in calendario, a partire da OperaWine, la “super tasting preview” del Salone internazionale del vino e dei distillati che sabato 13 aprile alle Gallerie Mercatali di Verona vedrà sette Etna Doc (quattro rossi e tre bianchi) tra le 131 etichette simbolo del Made in Italy selezionate dalla celebre rivista statunitense “Wine Spectator”.

Lunedì 15 aprile dalle 14 alle 15 è prevista l’interessante masterclass dal titolo “Etna: acciaio, cemento, anfora e legno. Quale affinamento per una valorizzazione identitaria e di territorio” condotta dal Master of wine Andrea Lonardi, che metterà a confronto quattro vini bianchi e altrettanti rossi della Denominazione per indagare sugli effetti prodotti dai diversi strumenti di vinificazione e affinamento secondo un approccio identitario e stilistico in grado di esaltare il territorio e la varietà.

Prima denominazione ad essere istituita in Sicilia nel 1968 e tra le pioniere in Italia, l’Etna doc si estende su un vigneto di 1.300 ettari racchiusi in 20 Comuni e 133 contrade. Oggi l’omonimo Consorzio di tutela, che rappresenta il 90% del potenziale produttivo complessivo, riunisce 440 aziende per una produzione media annua di 6 milioni di bottiglie, di cui il 60% viene esportata principalmente negli Stati Uniti, Canada, Svizzera e Regno Unito.

Check out our other content

Check out other tags:

Most Popular Articles