mercoledì, 17 Aprile , 24

Vino, assegnato a Vinitaly il 51esimo “Premio Angelo Betti”

Tra i Benemeriti della vitivinicoltura c’è anche Marisa Leo Milano,...

Forza Italia frena sull’Autonomia, tensione con la Lega

Pioggia di emendamenti in Commissione alla Camera. Botta e...

Ponte Stretto,Schlein a Salvini:anche Pichetto è nemico Italia?

Ministero dice quello che abbiamo denunciato noi e associazioni:è...

CA Auto Bank partner finanziario di Dongfeng Italia

In vista del debutto sul mercato con il marchio...

In Finlandia genitori scioccati, autore sparatoria era “problematico”

Video NewsIn Finlandia genitori scioccati, autore sparatoria era "problematico"

Un papà racconta che la figlia lo ha tenuto informato via whatsapp

Roma, 2 apr. (askanews) -Genitori sotto choc sono andati a recuperare i loro figli dopo che un 12enne ha aperto il fuoco uccidendo un compagno e ferendone altri due in modo grave in una scuola a Vantaa, città a nord di Helsinki, capitale della Finlandia.L’autore della sparatoria, che è stato poco dopo fermato dalla polizia, a cui si sarebbe consegnato senza opporre resistenza, sarebbe un soggetto “problematico”, secondo Ayan Hanif, 13 anni, allievo dell’istituto scolastico, mentre l’area resta cordonata e presidiata dagli agenti: “Penso di aver udito uno o due colpi di pistola, ma non sono sicuro”, ha spiegato. “Non ero suo amico, non andavamo molto d’accordo. Era un tipo un po’ problematico. Non so se quanto accaduto sia traumatico, sì un po’ traumatico lo è, ma non ho assistito alla situazione al 100%”.Agli studenti è stato detto di restare in classe e di non muoversi fino ad emergenza finita, come racconta questo papà, Janne Savolainen: “Ho iniziato a ricevere notizie verso le 9.30 sul fatto che c’era stata una sparatoria a scuola”.”Lei è riuscita a inviarmi dei messaggi via whatsapp, in mattinata – prosegue, riferendosi alla figlia – dicendomi che erano seduti a terra e aspettavano istruzioni dall’insegnante. È una sorpresa enorme che qualcosa del genere possa succedere, stiamo parlando di una scuola primaria, sono dei bambini”.

Check out our other content

Check out other tags:

Most Popular Articles