sabato, 20 Aprile , 24

Milano, Comune cerca di valorizzare Darsena con attività sportive

Bando per operatore che avvii test valido da giugno...

In Basilicata Bardi punta al bis, Marrese e Follia rincorrono

Alle urne oltre 541mila elettori. Si vota domani e...

Biennale Arte, il Leone d’oro per la mostra a Mataaho Collective

Gruppo di artisti dalla Nuova Zelanda con cultura maori Milano,...

Rai, cancellato il monologo di Scurati sul 25 aprile, Pd: è censura

Verducci: “Intimidazione nei confronti della conduttrice Bortone” Roma, 20 apr....

Vino, a Vinitaly il nuovo progetto di Luca Currado Vietti e Elena Penna

AttualitàVino, a Vinitaly il nuovo progetto di Luca Currado Vietti e Elena Penna

I primi tre vini prodotti dopo fine dell’avventura con Cantina Vietti

Milano, 4 apr. (askanews) – Esordiranno alla 56esima edizione di Vinitaly, in programma a Veronafiere dal 14 al 17 aprile, i primi vini di Cascina Penna-Currado, il nuovo progetto di Luca Currado Vietti e dalla moglie Elena Penna, che nel gennaio 2023 hanno interrotto definitivamente il loro lavoro per Vietti, la storica Cantina di famiglia a Castiglione Falletto (Cuneo) che nel 2016 avevano venduto al miliardario statunitense Kyle Krause.

Si tratta di una Barbera d’Alba, di un Dolcetto d’Alba e di un Langhe Nebbiolo prodotti da una ventina di ettari vitati in affitto a lungo termine, 13 dei quali in località San Sebastiano a Monforte d’Alba e gli altri nella zona del Barolo Classico. La regia è in una cascina del 1500, un’azienda agricola di Serralunga d’Alba (Cuneo), che questa celebre coppia del vino formata da un enologo e da una commerciale assieme ai figli Giulia e Michele, ha finito di restaurare nel marzo scorso.

La presentazione ufficiale dei primi tre vini sarà di fatto il lancio di Cascina Penna-Currado, Cantina volutamente piccola e artigianale, che punta a fare vini immediatamente riconoscibili per la loro forte impronta territoriale. “Vini a trazione Langa” sintetizza Luca Currado Vietti, fatti “in modo semplice e umile, cioè, cercando di dare il nostro meglio, con credibilità, ogni giorno: l’unica strada che conosciamo”.

Foto: Molchenphoto

Check out our other content

Check out other tags:

Most Popular Articles