lunedì, 15 Aprile , 24

Lollobrigida: oggi premiamo il nostro sapere fare eccellenze

Ministro e premier premiano studenti istituti agrari Roma, 15 apr....

Cc tutela Agroalimentare in Sicilia per incontro su controlli

Al centro Igp carota Ispica e pomodoro Pachino Roma, 15...

Bmti: rialzi per prezzi uve da vino nel Centro e Sud Italia

Le zone colpite dalla riduzione produttiva, più stabile il...

IQOS alla Milano Design Week, nuovo programma di economia circolare

Fino al 21 aprile installazione dedicata a REC, progetto...

Addio a Gaetano Pesce, designer e architetto “visionario”

AttualitàAddio a Gaetano Pesce, designer e architetto "visionario"

Dal 1980 aveva scelto di vivere a New York

Milano, 4 apr. (askanews) – È morto a New York Gaetano Pesce, scultore, architetto edesigner italiano. Nato a La Spezia nel 1932, aveva 84 anni. Ad annunciare “con il cuore pesante” la scomparsa del “visionario creatore” è il suo staff che ha pubblicato su Instagram un post e una foto dell’artista scattata da Mark O’Flaherty.

“Nel corso di sessant’anni – lo ricordano i colleghi – Gaetano ha rivoluzionato il mondo dell’arte, del design, dell’architettura e gli spazi liminali tra queste categorie. La sua originalità e il suo coraggio non sono eguagliati da nessuno. Nonostante i problemi di salute, soprattutto nell’ultimo anno, Gaetano è rimasto positivo, giocoso e sempre curioso. Lascia i suoi figli, la sua famiglia e tutti coloro che lo adoravano. La sua unicità, creatività e messaggio speciale vivono attraverso la sua arte”.

Gaetano Pesce si era trasferito a New York all’inizio degli anni Ottanta, pur restano molto legato al suo Paese, fonte di ispirazione per la sua opera.

A Milano al Fuorisalone 2024 è in programma una mostra alla Veneranda Biblioteca Ambrosiana, con due progetti di Pesce: una grande installazione de L’Uomo Stanco ed una mostra monografica con opere che ripercorrono la carriera del designer appena scomparo, ma incentrata su inediti realizzati negli utimi due anni.

VEDI DI PIÙ “Un arcobaleno felice”: Gaetano Pesce racconta l’attico di Ruth Lande Shuman a New York Colori, linee vorticose, forme biomorfiche: la casa nell’Upper East Side resta il paradigma del design e dei valori del designer più eclettico che ci sia DI NICOLETTA SPOLINI article image Il maestro del design era nato nel 1939 a La Spezia. A cominciare dal suo primo manifesto in difesa del diritto all’incoerenza nell’arte, alla necessita’ di cambiare, di essere liberi, di non ripetersi mai che scrisse quando aveva solo 17 anni, la sperimentazione rimasta per sempre il suo mantra.? I suoi lavori, le sue opere si distinguono prima di tutto per l’uso illimitato del colore e l’utilizzo di materiali rivoluzionari, sviluppati grazie alle nuove tecnologie.? La sua voce, nel design, nell’arte e nell’architettura resta la più libera degli ultimi 20 anni.

Tra le mostre che lo hanno celebrato negli anni, oltre alla presenza alla leggendaria Italy: the new domestic landscape del 1972 al MoMa, la retrospettiva sulla sua carriera intitolata Gaetano Pesce: le temps des questions al Centre Pompidou di Parigi nel 1996 e la mostra alla Triennale di Milano nel 2005, Gaetano Pesce: il rumore del tempo.? Tra gli altri riconoscimenti, Pesce e’ stato insignito con il prestigioso “Chrysler Award for Innovation and Design” nel 1993, l’ “Architektur & Wohnen Designer of the Year” nel 2006 e il “Lawrence J. Israel Prize”, conferito dal Fashion Institute of Technology di New York, nel 2009.

Check out our other content

Check out other tags:

Most Popular Articles